Ortigia Film Festival
I viaggi di Roby
locandina di "La Divina Dolzedia"

La Divina Dolzedia


Regia: Aurelio Grimaldi
Anno di produzione: 2017
Durata: n.d.
Tipologia: lungometraggio
Genere: commedia
Paese: Italia
Produzione: Arancia Cinema
Distributore: n.d.
Data di uscita: n.d.
Formato di proiezione: DCP, colore
Ufficio Stampa: Nicola Conticello
Titolo originale: La Divina Dolzedia

Sinossi: Dolzedia è un’anziana prostituta che continua ad avere un discreto novero di clienti, di tutte le età e provenienze. È famosa in tutta la Sicilia per la sua pratica segreta dello “gnicche gnacche”, capace di dare “u’ paradisu” ai fortunati che la ricevono.
Nella sua casa piena di ricordi, opere d’arte di raffinata fattura, suppellettili pseudoreligiose e “ferri del mestiere”, si alternano numerose figure attratte dalla sua così bizzarra e generosa umanità. Dolzedia incontra prima tre giovani, che litigano per farsi fare lo gnicche gnacche; poi la sua collega Susy (Francesca Ferro) con cui si lancia in improbabili disquisizioni sull’erotismo dei più famosi politici; poi un professore appassionato del marchese de Sade (Tuccio Musumeci), poi un suo vecchio cliente (Mario Opinato) che le porta dei ragazzi per scongiurare il “pericolo” che uno dei due sia “puppo”; ed infine la consulente del tribunale per i minori, sua ricca ed annoiata amica romana (Simona Izzo), depressa perché abbandonata dal suo amante catanese, e desiderosa di seguirne le orme… In serata giunge una visita a sorpresa: la figlia (Maria Chiara Pappalardo) che non vedeva da tanto tempo.
Nel film, a momenti tipicamente comici, si alternano follie, allegrie, rinfacci, e quadri culturali particolarmente intensi dove la scatenatissima Dolzedia recita pezzi classici tratti da Dante (in siciliano al professor Musumeci) o da Jacopone da Todi (alla fremente Simona Izzo).

"La Divina Dolzedia" è stato sostenuto da:
IMAIE


Video


Foto