I viaggi di Roby

Francesco Patierno presenta "Naples 44" a Torino


Francesco Patierno presenta "Naples 44" a Torino
In sala dal 15 dicembre distribuito da Istituto Luce Cinecittà, il documentario Naples ’44 diretto da Francesco Patierno e prodotto da Dazzle Communication con Rai Cinema.

Il documentario, dopo essere stato presentato in selezione ufficiale all’ultima Festa del cinema di Roma nella versione narrata da Benedict Cumberbatch, arriverà in sala dal 15 dicembre con la voce italiana di Adriano Giannini. Dopo il debutto sul grande schermo, il film sarà programmato su Sky Cinema, a partire da febbraio 2017, dove sarà possibile vederlo anche in lingua originale.
Il giorno dell’uscita nelle sale cinematografiche italiane, NAPLES ’44 sarà presentato al pubblico dal regista Francesco Patierno presso il cinema Massimo (Via Verdi 19 – Torino) alle 20.30.

Nel 1943 un giovane ufficiale inglese, Norman Lewis, entrò con la Quinta Armata Americana in una Napoli distrutta e piegata dalla guerra.
Lewis fu subito colpito dal magma sociale pulsante e complesso di una città che ogni giorno riusciva nei modi più incredibili a inventarsi la vita dal nulla, e prese nota su alcuni taccuini di tutto quello che gli successe nell’anno della sua permanenza. Gli appunti che Lewis scrisse in quel periodo finirono poi per costituire Napoli ’44, edito in Italia da Adelphi, ma pubblicato per la prima volta in Inghilterra nel 1978, Napoli ’44 è stato definito «uno dei dieci libri da salvare sulla seconda guerra mondiale»

Il film, tratto proprio dall’omonimo romanzo, immagina l’ufficiale inglese, divenuto dopo la guerra un affermato scrittore, tornare molti anni dopo nella città che lo sedusse e lo conquistò per rivivere un visionario amarcord fatto di continui flashback tra i luoghi del presente, che Lewis ripercorre dopo tanto tempo, e le storie del passato di cui questi luoghi sono stati protagonisti. E così, tra signore in cappello piumato che mungono capre tra le macerie, statue di santi preposti da una folla in deliquio a fermare l’eruzione e professionisti in miseria che sopravvivono impersonando ai funerali un ricco e aristocratico zio di Roma, vedremo sfilare negli ottanta minuti di cui è composto il film un’eccitante e imprevedibile sequenza di storie e personaggi assolutamente indimenticabili.
Ma Naples ‘44 è anche - e forse soprattutto - una potente denuncia degli orrori delle guerre. Di tutte le guerre, giuste o ingiuste che siano.

13/12/2016, 10:18