I viaggi di Roby

aggiungi un messaggio
Filippo Infuso  (06/07/2008 @ 18:34)
Un film stupendo! A quando un nuovo film di Castellitto come regista?! Grande Sergio!!!!!
Daniele Zingaro  (20/06/2007 @ 15:44)
Che grande Penelope Cruz! Un bel film!
Francesco Chiti  (17/09/2006 @ 00:00)
Castellitto-Cruz in attacco, Mazzantini dietro le punte. Un'ottima storia d'amore.
Simone Pinchiorri  (10/09/2006 @ 17:07)
Un film eccezionale, assolutamente da non perdere. Sergio Castellitto e Penelope Cruz formano una coppia incredibile davanti alla telecamera !
Daniele Baroncelli  (05/09/2006 @ 02:40)
Penelope Cruz si meriterebbe l'oscar per questo film.
Simone Cosimi  (07/02/2006 @ 00:00)
Sugli interpreti c solo da dire una cosa: commoventi. Sulla storia, il giudizio lhanno gi dato le centinaia di migliaia di lettori che hanno acquistato il romanzo omonimo di Margaret Mazzantini dal quale il film tratto. Non ti muovere un grande film. E un film potente in quanto a passioni, seppur privo di forti e fluidi nessi narrativi. E un film che segna varie svolte: quella di Castellitto come attore il nuovo Mastroianni, anche se in tono minore - e, soprattutto, come regista. Quella di Claudia Gerini, finalmente e con gioia in un ruolo di spessore. Quello di Penlope Cruz, che a costo di sembrare a corto di attributi, definiamo ancora una volta commovente. Eppure rischiava di finire bruciata, una storia ostile e feroce ma anche enormemente appassionante come questa, se nelle mani di interpreti sbagliati. Cos non stato. Tutto perfetto. Da Castellitto, nei panni del chirurgo dalla vita ovattata Timoteo, alla Gerini nel ruolo della disattenta moglie Elsa. Fino agli interpreti secondari che secondari non sono come la straordinaria Angela Finocchiaro, nel ruolo dellinfermiera Ada e Marco Giallini, che Manlio, lamico e collega di Timoteo. Ma la scommessa era tutta sulla Cruz. Perch Non ti muovere si regge tutto su di lei e su Castellitto. Gira tutto su di lei. Brutta, esile, un rottame: eppure affascinante, devastante, ha messo tutto nel suo personaggio. Una pellicola pregna damarezza e di polvere. Puntuali anche troppo le location scelte dal regista: siamo nel libro, nel romanzo. Palombari del cinema. Letteratura e cinematografia si fondono. Forse la prima volta che non arriccio il naso dopo aver assistito ad un film tratto da un romanzo. Perch gli interpreti sono il romanzo ed il romanzo fatto film. La storia ormai nota: Angela cade dal motorino e viene trasportata allospedale dove lavora il padre Timoteo. Riporta gravi emorragie cerebrali, ma non sar il padre ad operarla. Mentre Angela in sala operatoria, Timoteo si lascia andare ad una spietata confessione prima destinata a se stesso e poi a quelli che lo circondano. Confessione di una storia di tanti anni prima, e di una morte, quella di Italia, il rottame umano che ha amato pi di ogni altra persona, che segner la sua esistenza e che, come in una dimensione parallela, rivive nel momento in cui di morte potrebbe arrivarne unaltra: quella della figlia. Che era stato poi, quindici anni prima, lunico appiglio per cui Timoteo era rimasto con Elsa, la moglie. Un film da prendere ed assaporare senza riserve, andando via coi minuti proprio come con un romanzo, scortati da interpretazioni impeccabili. Un film che ci dice come chi ci ama c sempre: prima e dopo di noi. Un urlo intimo di speranza e di amore. Semplicemente Amore.

Video


Foto