-D30
I Viaggi di Robi

Flower Film Festival 2011: 150 anni d’Italia nel cinema


Esordio del Festival con "Meridiem Tricolore" e il film di Italo Moscati sulle storia dell’Unità d’Italia. Nomination al Golden Flower per Pasquale Scimeca, al Platinum per Franco Piavoli e al Palladium per Yann Arthus-Bertrand. Durante la rassegna cinematografica citazioni ai “grandi” Vittorio Gassman e Pier Paolo Pasolini.


Flower Film Festival 2011: 150 anni d’Italia nel cinema
Conto alla rovescia per il Flower Film Festival 2011. La manifestazione si aprirà infatti il 25 agosto 2011 alle ore 14:30 con "Meridiem Tricolore" con la consegna del premio Flower Italia al regista e scrittore Italo Moscati e a Francesco Alliata, autore quest’ultimo dei filmati del 1943 come cineoperatore di guerra e messi a disposizione per l’occasione dall’Istituto Luce.
A seguire Italo Moscati presenterà il suo film “Concerto Italiano – Storia e storie dell'Unità d'Italia”, un affresco in pellicola sul tema dell'identità italiana e sulla storia e i costumi nazionali dell' Unità realizzato a partire da ciò che la Rai ha prodotto e documentato sin dal 1954.

Flower Film Festival 2011 omaggerà quest’anno due grandi del cinema italiano quali Vittorio Gassman e Pier Paolo Pasolini.
Il 28 agosto dalle 18:00 alle 20:00 presso il Domina Home di Santa Flavia, per la rassegna "En Regard" curata dal giornalista Rai Paolo Spirito, Alessandro Gassman interverrà al Flower Film Festival attraverso un video messaggio. A seguire si terrà la proiezione del film di Giancarlo Scarchilli “Vittorio racconta Gassman. Una vita da mattatore”. Il documentario indaga il percorso umano ed artistico di una delle maggiori personalità dello spettacolo e della cultura italiana del XX secolo, che pur affondando le proprie radici nella tradizione del teatro classico, ha fatto di tutto per avvicinarvi le masse.

“In Viaggio con Pasolini” è invece il tributo al grande regista Pier Paolo Pasolini e alla Sicilia che ospiterà la V edizione del Flower Film Festival. Il 26 agosto dalle ore 23:00, durante la sezione dedicata alla natura dei viaggi e curata da Enzo Lavagnini, si terrà l’anteprima assoluta del film “Sicilia di Sabbia” di Massimiliano Perrotta, con la presenza del regista. Le immagini in anteprima si riferiscono al documentario in corso di realizzazione del viaggio tra Taormina, Catania, Priolo Gargallo, Siracusa, Portopalo di Capo Passero sulle tracce del reportage di Pasolini “La lunga strada di sabbia”, del 1959.
Da sottolineare nella rassegna del Festival anche il film “Per questi stretti morire (cartografia di una passione)” dei registi Isabella Sandri e Giuseppe M. Gaudino che verrà presentato il 28 Agosto dopo le 21.00 nel giardino di Villa Valguarnera. Il film narra l’ostinazione, l’eccesso, i patimenti nella vita e nelle opere dell’esploratore cineasta e fotografo Alberto Maria De Agostini (1883-1960), fratello di Giovanni, fondatore dell’Istituto Geografico De Agostini ed entrambi considerati pionieri della cartografia italiana.
Il 26 agosto alle ore 21:00 Franco Poggianti, insieme a Enzo Lavagnini consegneranno il Golden Flower (miglior film) al regista Pasquale Scimeca per il film “Malavoglia” (2010), che narra le vicende di una famiglia di pescatori siciliani.

Il 27 agosto, alle 21:00 la serata sarà condotta da Franco Poggianti e Enzo Lavagnini che premieranno con il Platinum Flower alla carriera il regista Franco Piavoli.
A seguire la proiezione del suo lungometraggio “Pianeta Azzurro” del 1982 che partecipò alla cinquantesima edizione del Festival di Venezia. “Pianeta Azzurro” è un trionfo della natura con voci e suoni, nessun commento parlato, un film “universale”, senza tempo.

Il regista emergente verrà invece premiato con il Silver Flower il 28 agosto tra una rosa finale di film quali “Su Pietra” di Andrea Costantino, “Socrate e la nuvola Rosa” di Andrea Lucisano, “Il cacciatore di Anatre” di Egidio Veronesi e “Aurora il Sogno della liberazione” di Piercarlo Paderno.

A seguire si terrà la premiazione del Palladium Flower che verrà consegnato a Yann Arthus-Bertrand, regista francese che si è aggiudicato il premio per l’alto valore etico e morale del film “Home” in cui denuncia gli effetti negativi dell’eccessivo sfruttamento del pianeta ad opera dell’uomo e propone un cambiamento dell’atteggiamento e degli stili di vita.

23/08/2011, 20:00