Meno di 30
I Viaggi di Robi

Made in Sardegna: un'Isola di Film





11 maggio 2019
Cinema La Compagnia - Firenze
Ore 19.00
Sa Femina Accabadora di Fabrizio Galatea, Italia, 2018, 52 min
La femina accabadora arrivava nella notte, coperta da un lungo mantello nero, nelle case dei moribondi, per praticare unantica forma di eutanasia. Con il suo malteddhu, un martello olivastro che nascondeva in un sacchetto nero di lana, sferrava un colpo secco sulla nuca dei malati terminali e li aiutava ad intraprendere il loro ultimo viaggio. In una terra dove la storia con la S maiuscola si intreccia ai racconti popolari, si dice che questa figura leggendaria abbia agito fino agli anni 60, come testimoniano alcuni protagonisti del film di Sa Femina Accabadora.
Fabrizio Galatea ci conduce in questa leggenda attraverso i paesaggi solari della Sardegna (da Nuoro a Santa Teresa di Gallura, da Fonni a Oschiri, fino a Cagliari) per raccontarci chi erano e come vivevano le dame della dolce morte, come si svolgeva il loro rito, qual era il rapporto con la religione e come venivano percepite dalla comunit.
Il regista torinese ha svelato che il suo incontro con la femina accabadora avvenuto per caso, durante un giorno di pioggia, in cui ha scelto di visitare il museo della Femina Accabadora di Luras. Qui ha conosciuto Giacomo Pala, il creatore del museo e, dai suoi racconti bizzarri e incredibili nata lidea di realizzare un documentario.
Lopera di Galatea, presentata a vari Festival fra cui Visioni dal mondo immagini della realt, Festival internazionale del documentario di Milano, ci conduce, attraverso unimmersione in un passato nemmeno cos remoto, ad unanalisi sul presente e ad una riflessione sulla morte prima ancora che sulleutanasia.
Ore 21.00
Diario di tonnara, di Giovanni Zoppeddu, Italia, 2018, 70 min . Alla presenza del regista
Il film liberamente ispirato al libro omonimo di Ninni Ravazza (sub che aveva lavorato presso la tonnara di Bonagia, in provincia di Trapani), Diario di una tonnara. Giovanni Zoppeddu, dopo aver lavorato nel cinema e nella tv per documentari di qualit, come L'ultimo volo di Folco Quilici, Il corpo del duce di Fabrizio Laurenti e Anija - La nave di Roland Sejko, nel suo primo lungometraggio ci mostra la vita e il duro lavoro dei pescatori di tonno, personaggi quasi mitologici che mettono le proprie risorse a disposizione di unintera comunit. Il regista cerca di recuperare il materiale passato, cerca di salvare dalloblio quelle immagini e quelle tradizioni millenarie che si tramandano, di padre in figlio, nelle famiglie dei tonnaroti.
Attraverso interviste e immagini di repertorio Zoppeddu ci mostra le fasi e i cicli di un lavoro che, come quello agricolo, segue le leggi e gli elementi volubili della natura e, attorno a cui, si sono sviluppati riti religiosi e pagani. Il cappello che veniva tolto in segno di umilt e rispetto prima di pronunciare le preghiere propiziatore alla mattanza e il rais - personaggio della tradizione dei tonnari - che tagliava simbolicamente la tromba daria, agitando un coltello contro il cielo, sono solo alcune di questi.
Come le donne che intessono con cura e precisione le reti dei tonnari, Giovanni Zoppeddu cuce insieme le immagini di repertorio, recuperate dallIstituto Luce, con quelle da lui girate che parlano del presente: gli sguardi intensi degli uomini, le mani dei pescatori, i loro gesti esperti, la comunit e la vita scandita dai ritmi della pesca e del tonno.
Dopo essere stato presentato in Selezione Ufficiale alla Festa del Cinema di Roma 2018, il regista sardo spera che il film possa essere fatto vedere ai ragazzi delle scuole per fermare un pezzo di vita che non so quanto potr durare ancora".

12 maggio 2019
Cinema La Compagnia - Firenze
Ore 19.00
Il clan dei ricciai, di Pietro Mereu, Italia, 2018, 70 minuti.
Gesuino, Andrea, Massimo, Bruno e Simone sono i cinque componenti del clan dei ricciai, clan di ex detenuti che ha trovato, nel faticoso lavoro della pesca dei ricci, non solo unoccasione di riscatto ma anche un modo di tramandare unusanza che sta scomparendo.
Il team guidato da Gesuino Banchero, ricciaio da ben 38 anni, si muove per le acque cristalline del mare di Cagliari ingaggiando faide, con i pochi avversari rimasti, per accaparrarsi le migliori zone di pesca.
Attraverso il mondo chiuso del capoluogo sardo, fra i quartieri popolari, i mercati, il carcere di Uta e l'ex carcere di Buon Cammino, Pietro Mereu segue i suoi protagonisti, che negli sguardi e nei corpi hanno impresso il proprio passato, fatto di carcere e dolore. Mereu scava nelle vite di Andrea, Massimo, Simone e Bruno, nella voglia di riemergere da un passato difficile e nella seconda possibilit che la cooperativa capitanata da Gesuino sta concedendo loro.
Il regista Pietro Mereu, dopo aver realizzato il documentario Disoccupato in affitto nel 2011, ha fondato nel 2015 la casa di produzione ILEX Productions, per cui ha realizza Il club dei centenari, documentario dedicato ai centenari dell'Ogliastra. Nel 2017 ha realizzato I manager di Dio, documentario a puntate sulla regola benedettina applicata ai moderni metodi di gestione aziendale.
Ore 21.00
Ovunque proteggimi, di Bonifacio Angius, Italia, 2018, 94 minuti
Alessandro un cinquantenne sardo, cantante di musica folk, che vive ancora con la madre e passa le sue serate a sbronzarsi e a giocare con le slot machines.
Dal padre ha ereditato una chitarra e una camicia, che indossa sempre durante le sue serate al Blu Star Disco, per un pubblico che diminuisce ogni giorno di pi.
Quello che aumenta, invece, il suo malessere e la sua insoddisfazione verso una vita che gli regala poche, pochissime gioie, che lui costantemente affoga dentro bicchieri di Martini. Nel punto massimo del suo delirio la madre lo convince a farsi curare e sceglie per lui un trattamento sanitario obbligatorio. Non saranno i medici ad aiutarlo a tornare a galla ma una ragazza, Francesca, che conosce nel reparto di psichiatria. Da questo incontro inizia un viaggio on the road di due personaggi ai margini della societ che stanno cercando il loro posto nel mondo.
Il regista li segue nella loro fuga attraverso le strade che collegano Sassari a Cagliari, fra la macchia mediterranea, le sagre di paese e in mezzo a tutti quei luoghi in cui Alessandro riuscir a riappropriarsi delle proprie radici e di s stesso.
Bonifacio Angius ha realizzato nel 2011 saGrscia, film completamente autoprodotto. Nel 2014 d alla luce Perfidia, lungometraggio presentato in Concorso Internazionale al 67 Festival del Film di Locarno. Il suo ultimo lungometraggio Ovunque proteggimi(2018) stato presentato al Torino Film Festival.
Data: 11/05/2019 - 12/05/2019
Luogo: Firenze, Italia
Periodo: Maggio