I viaggi di Roby
Nuovo Cinema Aquila

Conclusa la 6° edizione del Magna Graecia Film Festival. Simonetta
Amenta: "Dedico il premio alla memoria di Rita Atria"


Conclusa la 6° edizione del Magna Graecia Film Festival. Simonetta Amenta:
Simonetta Amenta alla premiazione del "Magna Graecia"
Cala il sipario sulla sesta edizione del Magna Graecia Film Festival. Dinnanzi al numeroso pubblico soveratese, il direttore artistico Gianvito Casadonte, con la speciale partecipazione dell’attrice e showgirl Valeria Marini, ha presentato la serata conclusiva, in cui sono state attribuite le “Colonne d’Oro”.
In apertura Daniele Orazi ha commentato uno spot di un progetto che lo vede impegnato da quattro anni, “OfficineLab”, che vede protagonisti aspiranti attori al di sotto dei venticinque anni. E’ stata poi la volta del documentario “Vicino al Colosseo … c’è Monti”, girato da Mario Monicelli e prodotto dalla Inspire Production di Gianvito e Alessandro Casadonte.

“La Siciliana Ribelle” di Marco Amenta, ha trionfato come Miglior Opera Prima e si è aggiudicata il “Los Angeles Cinema Italia Style”. A ritirare il premio, è stata la produttrice Simonetta Amenta che ha così commentato: "Proprio diciassette anni fa Rita Atria sacrificava la propria vita per avere giustizia, dopo aver capito la differenza che c’è tra giustizia e vendetta. E’un giorno speciale e i premi li dedico alla sua memoria".

Per essere riuscito a trattare il tema della diversità non come un problema, ma come una ricchezza, “Diverso da Chi?” di Umberto Riccioni Carteni, ha trionfato per la migliore sceneggiatura” e parteciperà al Festival du Cinéma Italien d'Annecy, grazie al “Premio Annecy”.
All’emozionatissima Chiara Chiti, il premio come Migliore Attrice, consegnatole da Rosalinda Celentano. Per la giovane attrice fiorentina, si tratta della prima vera affermazione nel campo del cinema, dopo il debutto con “Un Gioco da Ragazze” di Matteo Rovere. Quest’anno la “Colonna d’Oro” al Migliore Attore è stata intitolata alla memoria del cavaliere Guglielmo Papaleo ed è stata assegnata ad Emilio Bonucci per “La Casa sulle Nuvole” di Claudio Giovannesi. A ritirarla è stato proprio il regista che ha portato il saluto dell’attore, che si è detto felice di ricevere un premio da una giuria che comprende maestri quali Ettore Scola e Ugo Gregoretti, in un momento felice per la sua carriera.

Il Gran premio della Giuria ha visto trionfare la commedia “Machan” di Uberto Pasolini e nella motivazione scritta da Silvia Scola si legge “un piccolo film che non ha pretesa di dare risposte, ma che permette di porsi molte domande”.
Momento di gioia per il pubblico femminile quando il sindaco Raffaele Mancini, ha consegnato il Premio Speciale "Città di Soverato” all’attore Gabriel Garko.
Con i saluti del governatore della Regione Calabria, Agazio Loiero, si è quindi chiusa la kermesse che per nove giorni ha cercato di raccontare tutto ciò che si muove attorno al presente e al futuro del cinema italiano.

27/07/2009, 14:27

Antonio Capellupo