Sudestival 2020
I Viaggi Di Roby

"L'Uomo che aveva Picchiato la Testa": il documentario
di Paolo Virz sul cantautore Rondelli
a Visioni Fuori Raccordo Film Festival


Visioni Fuori Raccordo Film Festival fa il pienone per la serata dedicata al documentario di Paolo Virz. "Abbiamo dovuto replicare la proiezione di questo documentario" ha detto Massimiliano Cera ideatore e organizzatore del festival giunto alla 3 edizione "per il grande afflusso di spettatori qui, al Cinema Aquila. Ma sinceramente anche le altre giornate sono andate alla grande. Tanto pubblico, film di qualit, in questo festival dedicato alle periferie".

E la Livorno di "L'uomo che aveva picchiato la testa" sembra tutta una periferia, pi per l'atteggiamento (auto) emarginato dei livornesi che in senso urbanistico. Quando Paolo Virz torna nella sua citt, c' da divertirsi e il documentario sul cantautore Bobo Rondelli arriva in tutta la sua goliardia, un "amarcord" che esce dal cuore pi che dalla memoria, ma che grazie alla vena ironica, al limite dell'offensivo, della gente di Livorno fa sempre sorridere, spesso ridere, ma anche commuovere.

Bobo Rondelli un piccolo, grande cantautore, uscito poco dalla sua citt pi per scelta che per limiti artistici. Nei primi anni '90, con gli Ottavo Padiglione, si affacci sulla scena del rock italiano, con album, concerti e video-clip di grande qualit. Poi si perso per strada, tornando a essere chi gli pareva nella sua citt.

Paolo Virz arriva a Livorno dall'Aurelia a bordo del furgone di produzione insieme agli altri della troupe. Entra in citt senza riuscire a nascondere l'orgoglio di essere livornese, con l'occhio capace di vedere e far vedere il bello anche in innegabili brutture. Quella che non sicuramente brutta la musica di Bobo Rondelli, la poesia dei suoi testi, il grande senso scenico e le perfette interpretazioni.

A Livorno, dice uno dei tanti intervistati, in proporzione ci sono pi artisti che a Los Angeles; Bobo Rondelli e Paolo Virz sono livornesi, ma farebbero la loro "porca" figura anche a Los Angeles.

30/11/2009, 17:16

Stefano Amadio