FilmdiPeso - Short Film Festival

I vincitori della 1. Edizione CinemAvvenire Video Festival


I vincitori della 1. Edizione CinemAvvenire Video Festival
Una scena del documentario "Incolore"
CONCORSO INTERNAZIONALE CORTOMETRAGGI
La giuria del Concorso Internazionale Cortometraggi, composta da Dario Marcucci (Presidente del III Municipio del Comune di Roma), Alessandro Papi (psicologo, antropologo), Denis Malagnino (regista, attore, produttore, membro fondatore del Collettivo AmandaFlor) e Gabriele Giampieri (filmaker e critico cinematografico, redattore del portale www.cinemavvenire.it), nellambito della prima edizione del CinemAvvenire Video Festival, ha assegnato i seguenti premi:
Premio Migliore Film
Sa Promissa di Ilaria Godani e Giuliano Oppes
Motivazione: Per essere riuscito a concepire unopera totale, un lavoro che coniuga, con elegante stile formale e fotografico, una struttura narrativa ben composta e una descrizione sociale e paesaggistica di forte impatto, siamo lieti di conferire al cortometraggio "Sa Promissa" di Ilaria Godani e Giuliano Oppes il riconoscimento per il miglior film del Concorso Internazionale Cortometraggi.
Premio Migliore Regia
Buonanotte di Riccardo Banfi.
Menzione al Migliore Contributo Tecnico-Artistico (Montaggio)
lAmore Vero Male di Vieri Brini ed Emanuele Policante
Menzione al Migliore Contributo Tecnico-Artistico (Soggetto)
Ci Vediamo Presto di Raffaele Manco

INTERNAZIONALE DOC "IDENTIT & DIVERSIT"
La giuria della sezione Internazionale Doc "Identit & Diversit", composta da Valentina Grippo (Assessore alla Cultura del III Municipio del Comune di Roma, giornalista), Luciana Margani (psicologa, antropologa), Alessandra Alfonsi (attrice, produttrice, membro fondatore del Collettivo AmandaFlor) e Chiara Pascali (critico cinematografico, redattore del portale Cinemavvenire.it), nellambito della prima edizione del CinemAvvenire Video Festival, ha assegnato i seguenti premi:
Premio "Il Cerchio Non Rotondo". Cinema per la Pace e la ricchezza della Diversit, al Miglior Film della Sezione
Incolore di Fabrizio DAgostino
Motivazione: Il documentario "Incolorte" di Fabrizio DAgostino racchiude stilisticamente tutte le tipologie del documentario, ovvero la vocazione delle origini del genere cinematografico (lo studio dellambiente, linchiesta e lindagine antropologica) e quella indirettamente narrativa, amalgamandone in modo lineare attraverso un originale e fresco trattamento creativo della realt, e tratteggiando perfettamente le identit e le differenze di due mondi che si integrano e dialogano attraverso lo sport".
Premio Migliore Regia
Residuo Fisso di Mirta Morrone
Menzione al Migliore Contributo Tecnico-Artistico (Fotografia e Musiche)
I Love Benidorm di Gaetano Crivaro e Mario Romanazzi
Menzione al Migliore Contributo Tecnico-Artistico (Soggetto)
Cheyenne, Trent'Anni di Michele Trentini

13/03/2010, 14:15

Simone Pinchiorri