I Viaggi Di Roby

"Penultimo Paesaggio" - L'esigenza di
tornare a un cinema senza storie


Fabrizio Ferraro torna al cinema con un film ambientato a Parigi. Due italiani in "fuga" si incontrano senza riuscire ad avvicinarsi del tutto. Luciano Levrone e Simona Rossi sono gli interpreti principali, chiusi in una relazione che non sanno e non vogliono trasformare. Un'uscita in sala unica a Roma, al Nuovo Cinema Aquila, dal 12 dicembre, voluta da Movimento film che sta lavorando per portare il film in tutta Italia.


"Penultimo paesaggio" , pi di ogni altra cosa, un film di scelte. Il regista Fabrizio Ferraro troppo esperto di cinema per commettere errori; il ritmo, la lunghezza delle inquadrature, la quasi assenza di dialoghi, la mancanza di sovrapposizione degli elementi cinematografici. Tutto voluto e scelto con cura.

Un film che fugge dall'impertinenza dell'ovvio dove i silenzi e il chiasso esaltano l'intima alienazione urbana. La citt non Parigi, non una citt, non la terra; una scenografia vuota e immobile davanti alla quale si agitano composti i personaggi, come in una palla di vetro piena di acqua sporca, ingenua e onesta.

Il tempo, il nostro tempo, sembra sprecato in ricerche ormai vane, in attesa di qualcosa che gi avvenuto e che, sappiamo, non accadr mai pi.

Lo skyline sempre in agguato alle spalle dei personaggi, pronto a saltare, tra le grida della gente, e a ingoiarli prima che essi stessi aprano bocca.

Qualcosa non va; le urla crescono e l'immagine si trasforma in movimento, la scenografia in coreografia, il piacere in disagio, un eccitante appuntamento al buio in una sequenza di scene da un matrimonio.

"Che cosa c' di interessante da riprendere in questo vicolo" chiede una donna che entra per caso nell'inquadratura. Niente, tranne il passaggio di un protagonista misterioso. O soltanto vuoto. I solchi sul suo viso sono rughe o sono i viali che, pieni di significati, attraversano Parigi?

In "Penultimo Passaggio", le immagini sono immagini, i suoni sono suoni, i concetti sono concetti; e Fabrizio Ferraro ha svolto un lavoro enorme e meticoloso per riuscire a tenere tutto, per scelta, ordinatamente separato.

11/12/2011, 11:00

Stefano Amadio