I Viaggi Di Roby

COLONNE SONORE - La collana della Sugar


Rota, Morricone, Bacalov, Cipriani. Dal 13 la prestigiosa collana di colonne sonore capolavoro che hanno fatto la storia del cinema italiano.


COLONNE SONORE - La collana della Sugar
Nino Rota
Dopo lacquisizione della mitica C.A.M., Creazioni Artistiche Musicali, il gruppo Sugar, la casa editrice e discografica indipendente di Caterina Caselli, mette a segno un altro colpo. A partire dal 13 marzo saranno disponibili i primi 10 titoli, completamente rimasterizzati, del patrimonio di colonne sonore della storica etichetta della musica da film fondata nel 1956.

Dai sodalizi Federico Fellini e Nino Rota ("Amarcord", "8", "La dolce vita") e Luchino Visconti - Rota ("Il gattopardo", "Rocco e i suoi fratelli"), dalle musiche di Stelvio Cipriani per "Anonimo veneziano" e di Ennio Morricone per "Il vizietto" a quelle di Luis Bacalov per il "Postino e Riz Ortolani per il film cult "Mondo Cane", presentato in concorso a Cannes. E a proposito di Luis Bacalov, a met anni Sessanta, con Ennio Morricone e Nico Fidenco, fond una piccola ma molto dinamica etichetta Parade, attiva dal 1966 al 1970.

La Sugar vuole non solo recuperare lenorme ricchezza musicale della CAM, oltre ventimila brani e qualcosa come ventimila album prodotti, e metterla a disposizione attraverso i dischi e le piattaforme digitali, ma continuare a produrre colonne sonore. Questanno lo abbiamo fatto con Andrea Guerra per il film di Roberto Faenza, "Un giorno questo dolore ti sar utile", in cui partecipa Elisa, e con Franco Piersanti per il nuovo lavoro di Bernardo Bertolucci, "Io e te", ha spiegato in conferenza stampa Filippo Sugar, Chief Executive del Gruppo Sugar.

Non solo. Accanto alla pubblicazione dei titoli, di prossima pubblicazioni altri 20, abbiamo pensato anche di portare la nostra musica in giro per il mondo attraverso spettacoli dal vivo e grandi eventi ha aggiunto Caterina Caselli.

E toccato invece a Marco Muller, direttore in pectore del Festival del Cinema di Roma, da settimane al centro del caso che ha monopolizzato le cronache del cinema italiano, curare la prefazione della collana. E uniniziativa importante a dimostrazione che il cinema senza musica sarebbe decisamente molto meno emozionante e coinvolgente. E poi quando un importante musicista ha lavorato con un importante cineasta (Nino Rota con Federico Fellini; Morricone con Pier Paolo Pasolini, Bernardo Bertolucci e Sergio Leone; Angelo Francesco Lavagnino con Orson Welles; Angelo Badalamenti con David Lynch e Paul Schrader; Nicola Piovani con Nanni Moretti; Carlo Crivelli con Marco Bellocchio) ne sempre scaturito un accordo tra forti personalit individuali, dove una grande musica rafforzava un grande film e viceversa. Di questo dobbiamo ringraziare i nostri grandi compositori.

12/03/2012, 09:00

Monica Straniero