Sudestival 2020

IL RESTO DELL'ANNO - Salina, d'estate: e poi?


L'isola di Salina dopo l'estate rimane quasi vuota: un migliaio di abitanti riprende la propria vita, lenta e silenziosa.


IL RESTO DELL'ANNO - Salina, d'estate: e poi?
Ci sono posti che la maggior parte della gente abituata a vedere d'estate, affollati e frenetici. Ci sono posti che finita l'alta stagione cambiano profondamente il loro aspetto e i loro ritmi. Se si una piccola isola del Mediterraneo (in questo caso Salina, nelle Eolie), lo scarto tra i due momenti davvero notevole.

"Il resto dell'anno" di Michele Di Salle e Luca Papaleo si concentra proprio su questo momento, la nave che si chiude per l'ultimo gruppo di turisti ancora presenti, le spiagge che si svuotano e il silenzio che torna a dominare. Un silenzio rumoroso, ma ci si mette un po' a tornare a sentire gli insetti, le onde e gli animali, invece del vociare fragoroso dei visitatori.

Gli abitanti dell'isola sono pronti a riprendere "possesso" della loro terra, un migliaio di persone con la loro vita regolata dai cambiamenti del mare e dal lento scorrere del tempo.

Silenzioso e lento per scelta stilistica, il documentario fotografato con estrema cura e molta ricerca (riuscita) dell'inquadratura giusta. "Il resto dell'anno" poteva forse durare qualcosa meno (si sfiorano i 90 minuti), ma riesce perfettamente a trasmettere le emozioni che i suoi registi cercavano.

La "vera" Salina quella conosciuta da tutti o quella che rivive nel "resto dell'anno"?

06/06/2012, 19:00

Carlo Griseri