Festival del Cinema Città di Spello
I Viaggi Di Roby

"Cesare deve Morire" proiettato in carcere


"Cesare deve Morire", il film dei fratelli Taviani vincitore dell'Orso d'oro all'ultimo festival di Berlino e vincitore ai David di Donatello del premio al miglior film e alla miglior regia, sarà visto dai detenuti di tre istituti di toscani.

Il film è stato interamente girato all’interno del carcere di Rebibbia, dove i detenuti in regime di massima sicurezza hanno partecipato ad un laboratorio teatrale che mette in scena le opere di William Shakespeare. Durante le prove e l'allestimento del "Giulio Cesare", le vite degli attori/detenuti si sono intrecciate con quelle dei personaggi interpretati, in un gioco tra realtà e finzione, in cui il tema principale è quello della libertà. I laboratori teatrali sono stati condotti dal regista Fabio Cavalli, uno degli interpreti film.

Ora il film sarà al centro delle attività educative che si svolgono negli istituti di detenzione toscani: le prime proiezione oggi, martedì 3 luglio alla Casa Circondariale Sollicciano; le prossime giovedì 5, alla Casa Circondariale Pistoia e il 9 un'ultima proiezione alla Casa Circondariale Gozzini.

Il film è stato concesso in esclusiva dalla Sacher Distribuzione di Nanni Moretti ed è prodotto, per Kaos Cinematografica, da Grazia Volpi, che sarà presente alle prossime proiezioni del 5 e 9 luglio.

Le proiezioni di “Cesare deve Morire” nelle carceri toscane rientrano nel più ampio “progetto cinema” che l'Area Cinema di Fondazione Sistema Toscana attua da oltre venti anni negli istituti di Prato, Empoli, e Firenze.

03/07/2012, 16:44