Festival del Cinema Città di Spello
I Viaggi Di Roby

GIOVANNI CIONI - "Dal film fantasma all'home-video"


Il regista racconta la genesi del suo "In Purgatorio", il titolo scelto da Cinemaitaliano.info per lanciare la propria collana di home video.


GIOVANNI CIONI -
Dopo aver girato per festival di mezzo mondo e aver vinto importanti premi, approda in homevideo "In Purgatorio" di Giovanni Cioni.
Il documentario girato a Napoli è il primo titolo scelto da Cinemaitaliano.info per il proprio programma editoriale di dvd, che sarà presentata in anteprima a Firenze presso il Cinema Odeon il 17 ottobre.
Il regista racconta lo sviluppo del suo progetto e le aspettative verso il mercato.

Come ti venne l'idea di girare un film sul culto dei morti e sul sogno?
Potrei rispondere che un'anima del purgatorio mi apparve in sogno e mi chiese di venire in questa città che non conoscevo, Napoli, a fare un film ... e non è solo una battuta. Non conoscevo Napoli, e avevo l'intuizione che il film poteva essere un'immersione in soggettiva cinematografica, in una realtà costituita di sogni, di scomparsi, una realtà onirica ma molto reale. Non un film su Napoli, ma un film vissuto (e sognato) a Napoli. Ho passato anni a venire e tornare da Napoli, e mi ci sono fatto adottare, come un'anima in pena.

Il film in questi anni ha girato per molti festival, vincendo anche importanti premi. Quale é stata l'esperienza più gratificante?
Certo, la soddisfazione è stata tanta, non solo per il riconoscimento, soprattutto nel vedere come il film parlava alle persone e come ognuna mi raccontava il film che aveva vissuto. Senza voler essere retorico, mi viene sempre a mente la proiezione al carcere di Sollicciano a Firenze.
E poi c'e' da dire che un film come "In purgatorio" diventa quasi un fantasma: tutti ne hanno sentito parlare, ha circolato mezzo mondo ma molti non hanno potuto vederlo. Sarà il bello del passaparola, ma in un contesto di distribuzione dove anche film importanti scompaiono dopo una settimana, si rischia di rimanere con un film-fantasma. Uscire in dvd può così dargli nuova vita.

"In purgatorio" è già uscito in home video per il mercato francese. Come ha risposto il pubblico?
In Francia il film è stato edito in occasione di Cinéma du Réel in una collana destinata ai festival principalmente. Ma per esempio alla libreria del Centre Popidou hanno dovuto chiedere di ristamparne copie dopo qualche giorno...

Cinemaitaliano.info ha scelto di partire proprio da te per lanciare la propria collana di film italiani in DVD. Cosa ti ha convinto maggiormente del progetto?
In questi tre anni in cui il film ha circolato tra festival e proiezioni molti mi hanno chiesto o scritto che avevano sentito del film, non avevano potuto vederlo, oppure l'avevano visto e volevano una copia del film. Quando cinemaitaliano mi ha proposto di inaugurare la collana, ho subito accettato per la serietà del progetto e del lavoro che svolge - un lavoro che si rivela indispensabile in un panorama del cinema in Italia sempre più disperso. Con una meticolosità quasi micidiale cinemaitaliano aggiorna su tutto quello che succede nel cinema in Italia, e proprio per questo il progetto di edizione dvd acquista credibilità e senso.

ACQUISTA "IN PURGATORIO" IN DVD

17/10/2012, 13:21

Antonio Capellupo