FilmdiPeso - Short Film Festival

"Giuseppe Tornatore: ogni film un'opera
prima" - Un convincente biopic


"Io ho il complesso dell'opera prima, ogni film per me deve essere diverso, nuovo, un'opera prima appunto". Con queste parole Tornatore ha spiegato il titolo del documentario "Giuseppe Tornatore: Ogni film un' opera prima" di Luciano Barcaroli e Gerardo Panichi che in un' ora e mezza racconta quarant'anni di carriera, di storia e di storie.

La realizzazione sar anche stata lunga e meticolosa, con due anni di impegno costante, ma la qualit del film davvero molto alta. L'incipit costruito con immagini in Super 8 girate da Peppino quando ancora non era Tornatore, ma gi riusciva a comunicare con incisivit e ad emozionare profondamente.

Numerose le interviste a chi lo ha aiutato, conosciuto, scoperto e sostenuto, che svelano un uomo impastato di cinema come dice Massimo De Rita, sedotto dal potere dell' immagine sin dalla tenera et di 10 anni quando acquist la sua prima macchina fotografica.

Accompagnati in un viaggio tra i suoi film da "Nuovo Cinema Paradiso" a "Baaria", difficile non emozionarsi e, infine, si ha come l'impressione di conoscere pi da vicino questo genio del cinema timido e schivo, lontano dalla mondanit ma sensibile all' umanit di quelli che incontra.

Il suo cinema ha saputo trionfare in tutto il mondo, e l'Oscar per il miglior film straniero con "Nuovo Cinema Paradiso" ne la dimostrazione: "Dopo l'Oscar mi rimisi subito a lavorare al mio nuovo film. Lavoravo anche venti ore al giorno e ricordo che mi chiam Fellini dicendomi di lasciare perdere il lavoro e di godermi quei momenti, perch poi non sarebbero tornati. Aveva ragione ma io sono siciliano e quindi diffidente. I siciliani non si fidano troppo del proprio successo e della felicit quando arriva, ma allo stesso tempo per non si lamentano troppo delle sconfitte".

19/11/2012, 23:38

Gloriana Giammartino