FilmdiPeso - Short Film Festival

SHLOMO - La terra perduta degli Aramei


Il documentario di Stefano Rogliatti e Matteo Spicuglia racconta un popolo antichissimo ma rimasto senza voce


SHLOMO - La terra perduta degli Aramei
La storia del popolo arameo lunga migliaia di anni e ha avuto pochissime occasioni per essere raccontata. Una storia che ha (avrebbe) il suo centro geografico a Tur Abdin, un luogo al confine tra Turchia e Siria che per sulle carte ufficiali non esiste.

Tur Abdin, per, la patria degli Aramei, unico popolo che parla ancora l'aramaico, testimone del cristianesimo dei primi secoli in terra d'Islam: "Shlomo", documentario firmato da Stefano Rogliatti e Matteo Spicuglia, ne racconta origini e tradizioni, luoghi e destino. A inizio '900 in Turchia viveva circa mezzo milione di aramei, ora rimasti 2.500: molti sono stati uccisi, tanti sono fuggiti in Europa e nel resto del mondo.

Una diaspora che rischia di far scomparire una tradizione, e che i due giornalisti italiani hanno conosciuto quasi per caso prima di appassionarsi e decidere di raccontarla: soprusi, vendette e violenze, purtroppo, sono l'argomento principale dei racconti di chi ha deciso contro tutto e contro tutti di continuare a rimanere a vivere in quelle terre, e che cerca tra mille difficolt di tramandare una lingua e una memoria in pericolo.

"Shlomo. La Terra Perduta" deve il suo titolo al saluto tipico degli abitanti dell'area, che significa "pace" ed la matrice comune da cui sono derivati gli equivalenti "shalom" e "salam". Un documentario dal taglio volutamente televisivo e molto ricco di storie, forse pure troppo al punto da "stordire" in alcuni momenti lo spettatore: ma un "difetto" necessario, perch tante sono le cose da raccontare su questo popolo (quasi) dimenticato, ed era ora che qualcuno iniziasse a farlo.

20/12/2012, 09:05

Carlo Griseri