Festival del Cinema Città di Spello
I Viaggi Di Roby

GIOVANNA TAVIANI - Racconta in un film il riscatto di Striano


Dall’inferno dei quartieri spagnoli di Napoli al paradiso di Dante, la Toscana: un ritratto di Salvatore Striano, il Bruto di “Cesare deve Morire”.


GIOVANNA TAVIANI - Racconta in un film il riscatto di Striano
Giovanna Taviani sta lavorando in questi giorni a un mediometraggio dal titolo provvisorio “Sasà. Il Riscatto”, per “ La Conchiglia di Santiago”, una nuova casa di produzione fondata da Andrea Mancini e della stessa Taviani.

Il documentario traccia un ritratto di Salvatore Striano, il Bruto di “Cesare deve Morire”, che dal 25 gennaio sarà fra i protagonisti della fiction "Il Clan dei Camorristi", in onda su Canale 5.

La sua storia diventa un processo di “redenzione”, da Napoli a San Miniato, paese di origine dei fratelli Taviani, che ci girarono “La Notte di San Lorenzo”, in memoria di un’esperienza autobiografica realmente vissuta in queste valli.

Il punto di partenza è una cella storica del carcere di Arezzo da cui, di volta in volta, il protagonista “evade” con l’immaginazione per ritrovarsi nella Toscana di Dante e nelle verdi colline di San Miniato. Da una vita bruciata a Omero, Shakespeare, Dante: come la cultura può salvarti la vita.

Per questo il documentario ha un valore formativo e verrà distribuito nelle scuole e in tutte le carceri italiane.

Un volto nuovo di Striano, prima il camorrista di “Gomorra”, poi il Bruto di “Cesare deve Morire”; e ancora un delinquente in una fiction in onda proprio in questi giorni su Canale 5, e adesso un uomo nuovo, impegnato a fondo con il cinema e con il teatro, e in giro per il mondo a portare il suo nuovo messaggio di libertà.

San Miniato non è stata soltanto il contesto del film, è stata presente anche con la sua storia recente e passata, con le sue case, con le persone. Tra i protagonisti Lisandro Nacci e Enzo Cintelli, nella parte di se stessi, in quella cioè di due sanminiatesi che raccontano e fanno rivivere a Sasà Striano le vicende storiche di San Miniato, da Pier Delle Vigne, imprigionato dentro la Rocca, all’Eccidio del Duomo, alla storia di Giuseppe Gori, il “piccolo Gramsci” di Cigoli, ricordato durante un incontro a Villa Sonnino dal Comitato a lui intitolato.

18/01/2013, 18:33