I Viaggi Di Roby

CAMERA IN CAMERA - A Bologna i corti-doc di Antonio Martino


Venerdě 22 marzo, ore 21:00 presso l'Ostello “San Sisto”, saranno proiettati tre documentari pluripremiati cui seguirŕ l'incontro con l'autore.


CAMERA IN CAMERA - A Bologna i corti-doc di Antonio Martino
Dopo la proiezione di “In Purgatorio” con l'incontro col suo regista Giovanni Cioni all’Ostello di Bergamo, e quella successiva di “A Mao e a Luva” con Roberto Orazi all’Ostello di Perugia, sarŕ stavolta l'Ostello “San Sisto” di Bologna, venerdě 22 marzo, alle ore 21.00, ad ospitare la terza tappa di "Camera in camera. Incontri con gli autori del nuovo cinema italiano": rassegna cinematografica itinerante nata per portare il giovane cinema italiano all'interno degli Ostelli della Gioventů, promossa dall'A.I.G. e realizzata da Cinemaitaliano.info.

In proiezione nell'Ostello “San Sisto” di Bologna, sito in Via Viadagola 5, cui seguirŕ l'incontro con il regista, sono stavolta tre film brevi di Antonio Martino: "Gara de Nord_Copii Pe Strada", intreccio di racconti di vita a Bucarest a distanza di 16 anni dalla caduta del regime di Ceausescu; "Pančevo_Mrtav Grad", alla scoperta di Pančevo dove ha sede il complesso industriale piů grande della ex Yugoslavia, conosciuta come la cittŕ piů inquinata d'Europa; e "Be Water, My Friend", ambientato a Muynaq, piccola cittadina sulle sponde del Lago di Aral.

Antonio Martino, giovane regista indipendente, vive e lavora a Bologna, e dal 2004 ha realizzato otto film documentari che hanno vinto numerosi premi in festival nazionali ed internazionali, compreso il prestigioso “Premio Ilaria Alpi”.

Dopo i primi due suggestivi documentari di Cioni e Orazi, a Bergamo e Perugia, dedicati, il primo alla Napoli “onirica” religiosa e superstiziosa, con gli incredibili e bravissimi ‘attori naturali’ suoi protagonisti; il secondo, alla voglia di riscatto e crescita attraverso la ‘luce’ sapiente dei libri e delle biblioteche che fanno rinascere la favela brasiliana di Recife e i suoi ragazzi – spiega il Presidente di A.I.G., Anita Baldi – ecco un altro interessante appuntamento con il cinema d’autore, stavolta ambientato all’Est Europa. Le proiezioni e gli incontri coi i registi della rassegna ‘Camera in Camera’ convergono nel grande progetto che abbiamo denominato ‘Hostel Art Festival’: rassegna itinerante e permanente, che interesserŕ in maniera costante, creativa ed innovativa l’intera rete di A.I.G., per favorire l’incontro, il confronto, l’aggregazione, con occasioni divertenti, avvincenti, ma soprattutto formative e di studio.”

20/03/2013, 12:22