Festival del Cinema Città di Spello
I Viaggi Di Roby

Rai Storia, "Zoom su Fellini" di Sergio Zavoli


Rai Storia,
“Disponetevi a vedere qualcosa senza capo né coda – sottolinea Zavoli a proposito del suo reportage - un film di Fellini, dopotutto, nasce a dispetto di chiunque voglia in anticipo capirci qualcosa”. Il 29 marzo 1993 Federico Fellini riceve l’Oscar alla carriera. Per ricordare questo evento, Res, il programma di Rai Educational, nella puntata in onda venerdì 29 marzo, alle 18.30 ,su Rai Storia, Digitale Terrestre e TivùSat, propone "Zoom su Fellini", il documentario di Sergio Zavoli girato sul set del film Giulietta degli spiriti, uscito nelle sale nell'ottobre 1965. Il reportage è stato realizzato nel corso di quattro mesi di riprese, con la troupe Rai che va a mimetizzarsi in quella, ben più grande, del film del regista riminese.

“Ne è nato un documento che rispetta la natura della televisione in un modo esemplare – commenta lo stesso Fellini, all’epoca, su Radio Corriere – ha quei pregi di immediatezza e autenticità che hanno creato, in materia di giornalismo, un linguaggio tutto televisivo”. Già in occasione del terzo Oscar che Fellini conquista con il suo capolavoro 8 e 1/2, nel maggio 1964, Zavoli firma un lungo reportage dal titolo Un'ora (e 1/2) con Federico Fellini, incentrato su una lunga intervista al maestro del cinema, corredato da testimonianze della moglie Giulietta Masina, di Alberto Sordi, dell'amico Titta Benzi e delle attrici con cui Fellini ha già lavorato, come Sandra Milo e Anita Ekberg, i suoi tecnici e i suoi sceneggiatori, perfino la madre, la sorella e il preside del suo liceo. Allo stesso modo, sul set di Giulietta degli spiriti incontriamo gli attori, da Sandra Milo a Mario Pisu, “assistiamo” alle prove, ascoltiamo dalle voci dei protagonisti le battute improvvisate e i commenti tra un ciak e l’altro, veniamo sopraffatti dall’entusiasmo giocoso, ma allo stesso tempo rigoroso, del regista riminese, tanto innamorato del suo lavoro e dei suoi set: “Penso di essere abbastanza fortunato – confida alle telecamere Rai– perché in fondo faccio proprio il mestiere per cui la mia natura è adatta”.

29/03/2013, 07:43