Festival Internazionale della Cinematografia Sociale \
!Xš‚‰

Curiosità su "Sheer", in uscita il 18 aprile 2013


Curiosità su
Juan Cruz Pochat e Ruben Mazzoleni hanno voluto rappresentare una storia simile alla loro e a quella delle tante persone che si ritrovano a sopravvivere di stratagemmi in una città che non è tutta glamour e benessere come troppo spesso appare sulle copertine dei giornali di moda.
Una storia che contrappone la degenerazione della metropoli al valore del rispetto e della lealtà nell’amicizia.

I due giovani protagonisti di SHEER cercano rifugio in quella che sembra una facile e perfetta via di fuga senza calcolarne le conseguenze e mettendo alla prova i loro stessi valori.
E’ una storia onesta e candida che fa breccia nello spirito ribelle presente in tutti noi.
Rispecchiando l’animo anticonvenzionale del progetto, SHEER è stato realizzato secondo le non-regole del guerilla style.

Il film è stato girato in 15 giorni sfruttando tutte le possibilità che l’ambiente cittadino poteva offrire “naturalmente” e focalizzando l’attenzione principalmente sulla performance degli attori.
Coinvolto in lunghe sessioni di improvvisazione, il cast ha lavorato con energia e passione nel trasportare brillantemente la storia nel neorealismo del film.

SHEER mostra le difficoltà e le sfide che milioni di giovani affrontano ogni giorno nello spietato ambiente newyorkese, e proprio la città è assoluta co-protagonista del film.
Dai magazzini di Brooklyn alle strade di Wall Street con i manifestanti di Zuccotti Park, New York viene mostrata senza la patina di lusso che troppe volte la caratterizza.
SHEER ha fatto il suo debutto mondiale al cinema reRun Theater di Brooklyn, conosciuto per essere un’importante piattaforma per giovani registi indipendenti.

09/04/2013, 19:02