Sudestival 2020
I Viaggi Di Roby

BFF STORY - Daniele Segre


Cinemaitaliano.info ripercorre la storia della manifestazione dando voce ad una serie di personaggi che hanno lasciato il segno.


BFF STORY - Daniele Segre
Daniele Segre, regista e documentarista, ha alternato nelle prime edizioni del festival da cui stato lanciato la carriera dietro la macchina da presa e quella nell'organizzazione.
Ecco il suo ricordo di quegli anni.

"Nel 1984 il mio film Vite di Ballatoio ha vinto Il Gabbiano doro ed stato sicuramente un momento significativo nel mio lavoro di regista e produttore indipendente con la societ I Cammelli, fondata nel 1981. Il mio lavoro negli anni precedenti si era gi segnalato con i film Il potere deve essere bianconero e Ragazzi di Stadio, ma il successo ottenuto a Bellaria stato, se cos si pu dire, la mia consacrazione nel panorama del cinema indipendente italiano.

Ho poi svolto per il BFF il ruolo di co-direttore con Morando Morandini e Antonio Costa, unesperienza senzaltro interessante per le scelte innovative, per lo pi rivolte alla formazione dei giovani che in quegli anni abbiamo attivato durante le giornate del festival, in particolare con la realizzazione di un Videomagazine quotidiano curato dagli studenti del Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma e da studenti di varie universit italiane, tra le quali lUniversit di Pisa e di Bologna e Napoli.

Lesperienza terminata, malgrado i risultati molto positivi, con una lettera di posta prioritaria da parte dellamministrazione comunale che comunicava ai direttori il termine del loro incarico, senza alcuna discussione e alcun confronto preliminare. Sinceramente lo considero un atto molto volgare anche nei modi, che ha offeso il nostro lavoro: non solo il valore di uno studioso come Antonio Costa ma in particolare, a mio parere, la storia, la professionalit e lumanit di Morando Morandini - tra i fondatori di questa manifestazione, e un maestro della critica cinematografica italiana. Tanto pi deludente in quanto veniva, questo atto, da una classe politica di sinistra evidentemente approssimativa; non a caso poi tutto cambiato, lamministrazione diventata di destra e il festival ha perso la sua identit originaria.

Con Morandini nel periodo in cui siamo stati direttori del festival nata una grande amicizia che sta continuando ancora oggi, tra laltro questa amicizia mi ha fatto prendere la decisione di realizzare nel 2010 il film documentario Je mappelle Morando. Alfabeto Morandini. Lamicizia con Morando per me rappresenta un grande onore e forse uno dei pochi motivi per cui mi ricordo volentieri di Bellaria.

Con la nostra direzione, Morandini, Costa, Segre, abbiamo indicato una strada che aveva il compito non solo di valorizzare la produzione di cinema indipendente, ma altres di stimolare i percorsi di formazione ed educazione al mezzo audiovisuale da parte delle giovani generazioni, oltre ai rapporti col territorio.

Non credo che successivamente alla nostra direzione, a parte in modo parziale quella di Fabrizio Grosoli, ci sia stata unevoluzione: il Festival di Bellaria a mio parere ha perso quella identit per la quale era riconosciuto e rispettato e per cui aveva una grande visibilit".

01/06/2013, 09:00

Carlo Griseri