FilmdiPeso - Short Film Festival

LOVEBIRDS - L'amore proibito in India


LOVEBIRDS - L'amore proibito in India
A Delhi un gruppo di volontari offre rifugio e supporto legale alle coppie che decidono di sposarsi senza il consenso delle loro famiglie. Sono i Love Commandos ed aiutano i cosiddetti lovebirds, gli amanti ribelli.

Prodotto da Insana e Wendy con la collaborazione di Rai Tre, "Lovebirds" di Gianpaolo Bigoli entra nella societ moderna indiana con le sue contraddizioni e le sue antiche usanze delle caste.

Spesso questi giovani sono costretti a fuggire dalla famiglia e a vivere in clandestinit, perch in India vige ancora la legge del delitto donore e la polizia e le famiglie sembrano accettare questa usanza brutale.

Gianpaolo Bigoli con una leggera 5D ed uno stile molto asciutto riesce ad entrare nelle stanze buie dove si nascondono gli amanti ribelli. Takur, Kashyad, Sanjay, Karunesh sono i personaggi di questi drammi, e il film sta molto sui volti, sugli occhi, sulla sofferenza palese di queste coppie costrette a vivere in clandestinit.

Solo in India gli omicidi di onore sono pi di mille lanno e lunico modo per impedire questa strage di creare delle associazioni che facciano da intermediazione tra le famiglie e le vittime. Karunesh per esempio ha sposato la figlia di un politico importante ed stato minacciato dalla famiglia di lei. E proprio sul personaggio di Karunesh che si concentra pi spesso locchio attento di Bigoli, un ragazzo che non vede la sua donna da quattro anni, perch la famiglia ha fatto un istanza di divorzio e si dovranno trovare in tribunale uno contro laltro.

Il messaggio del documentario "Lovebirds" chiaro: la cultura dellamore deve prevalere, al di l delle differenze sociali e delle divisioni in caste. Il regista dopo le prime interviste andato a ritrovare le coppie a distanza di un anno per vedere levoluzione della situazione. Molte coppie hanno riconosciuto lapprovazione legale del matrimonio, altre continuano a vivere nellinferno della persecuzione e non sembra esserci soluzione.

31/05/2013, 18:53

Duccio Ricciardelli