Sudestival 2020
I Viaggi Di Roby

TRA CINQUE MINUTI IN SCENA - La morte, la vita e il palcoscenico


La regista Laura Chiossone racconta con efficacia una storia semplice e comune, visitando il teatro, eterno moribondo sempre capace di rinascere in qualche modo. Un gruppo di interpreti di qualit per un film che potrebbe somigliare a un documentario. Dopo la partecipazione a diversi Festival e il premio CICAE al Festival di Annecy 2012, arriva in sala distribuito da Parthenos dal prossimo gioved 27 giugno


TRA CINQUE MINUTI IN SCENA - La morte, la vita e il palcoscenico
Gianna Coletti nel film di Laura Chiossone
La vita si allunga e aumenta il numero i figli che si trovano ad accudire una madre non pi autosufficiente. Laura Chiossone racconta la storia di Gianna, attrice di teatro e di sua mamma, Anna, ottuagenaria costretta a letto a fare i conti con il suo cervello ormai diviso tra un presente che scivola verso la fine e lampi di un passato ricordato con lucidit.

Gianna Coletti interpreta se stessa, sia mentre accudisce la sua vera madre, offrendo una situazione cos vera e personale da sembrare documentaristica, sia mentre da attrice lavora in teatro nelle prove di uno spettacolo che ricorda molto da vicino la sua vita privata. I destini della compagnia teatrale e della madre procedono paralleli; alla inevitabile morte di Anna, corrisponde l'interruzione dello spettacolo per mancanza di fondi. La vita e il palcoscenico non solo si fondono ma camminano insieme vivendo una chiara quanto misteriosa simbiosi.

Il teatro rimane nel cuore di tutti gli attori, vero e attuale, lontano dalle costruzioni del cinema o dalla falsit della televisione. Laura Chiossone coglie gli aspetti pi toccanti e sinceri della vita dell'attrice, non molto diversa da quella di una donna qualunque, soltanto un po' pi interessante, dipingendo tutto con estremo realismo grazie anche agli attori (per prima la vera madre Anna) e alla struttura asciutta.

Tra gli interpreti, oltre a Gianna Coletti, Anna Canzi, Gianfelice Imparato, Elena Russo Arman, Luca di Prospero e Urska Bradaskja, tutti con la giusta, solida e indispensabile esperienza teatrale. "Tra cinque minuti in scena".

22/06/2013, 10:00

Stefano Amadio