Meno di 30
I Viaggi di Robi

OTTOPUNTI - Riflessione pubblica su traumi privati


Danilo Monte racconta i fatti di Genova ai tempi del G8 di Genova attraverso la dura esperienza di Timothy Ormezzano


OTTOPUNTI - Riflessione pubblica su traumi privati
"Ci sono cose che si fanno per piacere, altre perch si costretti. Altre ancora si fanno e basta, come questo film": "Ottopunti" di Danilo Monte racconta le disavventure di Timothy Ormezzano, giovane torinese che ebbe la malaugurata idea di recarsi a Genova nel luglio 2001 per partecipare alle manifestazioni contro il G8 e documentarle, ma che venne ingiustamente colpito e incarcerato prima di essere rilasciato. Anche Monte era in Liguria in quei giorni, e insieme i due intraprendono un viaggio in quei luoghi e nei loro ricordi.

Tredici anni sono passati, e oltre: il ricordo vivo in tutti ma la memoria fatica - per chi non stato toccato direttamente da quei fatti, ovvio - a tornare su quei giorni, come fossimo schiacciati da ci che successe poco dopo (l'11 settembre) e contribu senza sforzi a far girare pagina a noi e al mondo intero, "dimenticando" ci che era stato prima e che fino a quel luglio del 2001 pareva giustamente fondamentale.

La scelta stilistica di Monte convince, il mostrare Genova come oggi, la sua bellezza e tranquillit contrapposta al ricordo dei suoi protagonisti e agli stralci audio di quei giorni tragici. Un ricordo privato diventa pubblico, un trauma personale (purtroppo non isolato in quei giorni) diventa collettivo e la catarsi del regista e di Ormezzano diventa in qualche modo di tutti noi spettatori.

Con loro anche alcuni altri protagonisti di quei giorni, Don Gallo, Giuliano e Haidi Giuliani, e il padre di Timothy, Giampaolo Ormezzano.

07/10/2014, 08:53

Carlo Griseri