I Viaggi Di Roby

Note di regia di "Andiamo a quel paese"


Note di regia di
Quando i produttori ci chiesero di fare il quinto film, eravamo piuttosto titubanti perché in realtà noi avevamo già in mente di fare il sesto. Loro, però, che sono persone accorte e preparate, ci fecero subito notare che fare il sesto film senza prima aver fatto il quinto poteva sembrare azzardato, quasi un atto di presunzione. Così, un po' dubbiosi, ma comunque confortati dalla loro indiscussa esperienza, comprammo carta e penna e ci rassegnammo a scrivere il quinto film.
Ci mettemmo a lavorare alacremente al soggetto e alla sceneggiatura giorno e notte. Senza tregua. Nonostante gli sforzi, però, non riuscivamo proprio a toglierci dalla testa il sesto film che di tanto in tanto continuava a fare capolino dentro i nostri pensieri. Tuttavia, chiamammo a raccolta tutta la nostra professionalità e dopo estenuanti giorni di lavoro, il quinto film era scritto! Qualcosa però continuava a tormentarci.
Di fronte a quel disagio, però, ci sentivamo impotenti e non sapevamo cosa fare. Quando, infine, fingere divenne insopportabile, prendemmo il coraggio a due mani e, contro tutto e tutti, ma principalmente contro le più banali regole logiche, ci buttammo a lavorare a tempo pieno sul sesto film. “Vadano tutti a quel paese”, pensammo. In men che non si dica, tutti gli appunti, tutte le idee, tutti i verbi si incasellarono al posto giusto. I personaggi, poi, inutile dirlo, si riversarono immediatamente sulle pagine bianche, e in un attimo si conquistarono la scena: zia Lucia, Donatella, Roberta, padre Benedetto e tutti gli strani abitanti di questo meraviglioso paese che è Monteforte ci presero per mano e ci condussero per le vie impervie della sceneggiatura.
Che viaggio magnifico! Che compagni d'avventura eccezionali! E poi: le strade siciliane, il caldo afoso, i vecchi, i disoccupati, il bar, la barberia. Tutto in un attimo fu chiaro. Così, dopo pochi giorni, in una calda giornata di marzo, la prima stesura del nostro sesto film vide la luce. Adesso dovevamo solo trovare il coraggio di andare dai nostri produttori e confessare. Armati, quindi, di faccia tosta e coraggio, decidemmo di incontrarli prima possibile. L’incontro fu tesissimo. Continuavano a sfogliare la nostra sceneggiatura con aria perplessa e preoccupata. E solo quando arrivarono alla fine, rialzarono lo sguardo, lo incollarono ai nostri occhi e con aria sincera ci dissero: “Mi dispiace, ragazzi, la storia è bellissima ma nessuno a memoria d'uomo ha mai fatto il sesto film prima ancora di aver fatto il quinto. Abbiamo troppa paura che possa crearsi un precedente pericolosissimo”.
Come dargli torto. Neppure Hollywood, che del cinema aveva fatto l’industria più prolifica di tutti i tempi, si era mai spinta a tanto. A testa bassa, quindi, uscimmo dalla stanza. Un attimo prima di imboccare l’ascensore, però, uno dei produttori ci fermò urlando felice: “Un momento, picciotti! Ci siamo informati! Nessuno ci obbliga a dire che questo è il sesto film! Possiamo girarlo tranquillamente e dire a tutti che si tratta del quinto. Chi potrà mai scoprire che non è così?!”. Eravamo felici. E mentre i nostri produttori continuavano ad abbracciarci e a darci pacche sulle spalle, noi soddisfatti pensavamo: “Finalmente! Andiamo a quel paese”.

Ficarra & Picone