OFF - Ortigia Film festival
I viaggi di Roby

CINEMA DU REEL 37 - “San Siro”: la preparazione rituale di uno stadio


Il regista Yuri Ancarani "viviseziona" la Scala del calcio milanese.


CINEMA DU REEL 37 - “San Siro”: la preparazione rituale di uno stadio
Con uno stile raffinato e lineare il cortometraggio “San Siro” di Yuri Ancarani "viviseziona" lo stadio calcistico di Milano nei momenti che precedono l’inizio di un match. Da una pioggia incessante emergono le figure dei tecnici e degli addetti ai lavori intenti a sistemare cavi elettrici e a disporre le transenne; seguono poi le ispezioni di sicurezza della polizia, l’allestimento del campo e la predisposizione delle attrezzature per la diretta. Nel frattempo, nelle aree esterne confluiscono i tifosi per prendere parte al nuovo rito collettivo domenicale, mentre un autobus scortato da una pattuglia di sicurezza conduce al grande appuntamento il team di calciatori.

Nell’opera di Yuri Ancarani ogni singolo gesto viene compiuto in silenzio religioso, trasformandosi così in un atto cerimoniale che precede la liturgia profana dell’incontro calcistico; al tempo stesso i movimenti regolari e ripetitivi assumono le forme di suoni cadenzati e ritmati, creando una sinfonia di rumori che fa da ouverture ai cori da stadio dei tifosi che giungono come fedeli ad ammirare i loro idoli. Lo stadio San Siro si carica pertanto di una valenza sacrale, rappresentato come luogo di culto e meta pagana di pellegrinaggio, la cui solennità e imponenza viene esaltata da inquadrature armoniose e perfettamente studiate.

21/03/2015, 08:26

Marco Cipollini