Meno di 30
I Viaggi di Robi

Mauro Carraro, il suo cinema al Massimo di Torino


Primo appuntamento sulle pagine di CinemaItaliano.info con il CNC Centro Nazionale del Cortometraggio


Mauro Carraro, il suo cinema al Massimo di Torino
Mercoled 1 aprile, alle ore 20:30, al Cinema Massimo di Torino, il Centro Nazionale del Cortometraggio, in collaborazione con il Csc: dipartimento d'animazione, presenta "Corti d'autore 7", serata dedicata a Mauro Carraro.

Mauro Carraro uno degli autori italiani pi promettenti nel campo dell'animazione; trentenne d'origine friulana, ha affinato la sua tecnica e la sua poetica in Francia e poi in Svizzera, sperimentando soprattutto le possibilit della computer grafica e del 3D in chiave emotiva ed evocativa: lo si vede in Matatoro, corto dedicato alla Corrida e suo saggio finale alla Supinfocom (che segue il divertente sketch Petit Pas e il surreale omaggio al disegnatore francese Muzo Muzorama). La passione, l'epica e la tragedia di quello sport vengono, senza l'ombra n di giudizi morali n di esaltazione, trasfigurate da uno stile vivacissimo e fantasioso, ricco di riferimenti alla pittura e all'illustrazione, rafforzato da una costante vena di umorismo surreale -si vedano, per esempio, come vengono rappresentate la bolgia degli spettatori e le loro reazioni- che, spesso, acquista un sottofondo malinconico. L'umorismo surreale e a tratti mesto e malinconico sembrerebbe del resto essere gi una costante dell'autore, presente anche nei primi corti realizzati al di fuori della scuola di specializzazione. In particolare in Hasta Santiago (2013), cronaca e rielaborazione del pellegrinaggio verso Santiago De Compostela compiuto dallo stesso Carraro. I stravaganti personaggi incontrati, le esperienze vissute e i ricordi vengono raccontati con un misto di umorismo lieve e tenerezza, anche grazie al disegno essenziale, che, lasciando spesso il fondo monocromatico, razionalizza al massimo scenografie e ambienti mettendo cos in maggiore risalto i personaggi e le sensazioni rappresentate. Sempre con un certo surrealismo di fondo, come si vede, per esempio, nella scena della salita alla Madonna del Pilar. Di diversa impostazione il poetico Aubade (2014), forse il risultato pi memorabile finora raggiunto dall'autore, una sorta di Fantasia in C.G. che, sulle note di un violoncellista emerso dalle acque del lago di Ginevra, raffigura lo spettacolo dell'alba. Le silhouette nere di un gruppo di nuotatori e degli uccelli aquatici sembrano i ballerini di questa sinfonia tesa a esaltare la bellezza struggente del sorgere del sole, capace di dare una luce e un fascino diversi anche agli elementi del quotidiano rappresentati. Aubade diventa cos un affascinante e poetico omaggio alla bellezza della natura, non privo, anche in questo caso, di elementi surreali.

Accompagnano le opere di Carraro due cortometraggi, entrambi di diploma, realizzati dal CSC: Office Kingdom di Salvatore Centoducati, che ironicamente trasporta le disavventure burocratiche tipicamente italiane in un contesto fantasy, con un disegno che ricorda quello tipico degli ultimi cortometraggi Disney e con un approccio che ironizza sulle disavventure dell'utente comprendendo allo stesso tempo le difficolt dei dipendenti. Ritornello d'amore di Alessandra Atzori, invece, una originale rilettura di una storia d'amore, tra un senzatetto e una radio, completamente basata sui suoni e sulle musiche che escono dall'apparecchio.

Edoardo Peretti

26/03/2015, 10:00