Meno di 30
I Viaggi di Robi

FILM IN TV - I consigli di CinemaItaliano per venerdì 1/5


FILM IN TV - I consigli di CinemaItaliano per venerdì 1/5
Tre film oggi da consigliare in chiaro in tv: partiamo tra poco su Canale 5, alle 8.45 tocca a "Callas Forever" di Franco Zeffirelli, con Fanny Ardant e Jeremy Irons.
Sinossi: Parigi 1977. La Divina Maria Callas, visto tramontare il suo astro, si è chiusa in una solitudine dorata. Impedisce agli amici di andarle a fare visita e trascorre le giornate ad ascoltare vecchie registrazioni, soffocando il proprio dolore nell'alcool e nei sonniferi. A risvegliarla dal torpore arriva un fascinoso impresario inglese, Larry, un tempo suo manager ed amico di vecchia data, che le propone un ambizioso progetto: realizzare una serie di video che renda il suo mito immortale. L'idea è quella di fare una messa in scena filmata delle principali opere della Divina, utilizzando la sua immagine attuale in combinazione con le migliori registrazioni della sua voce. Inizialmente la Callas è titubante, ma viene persuasa da Sarah, giornalista nonchè intima amica dell'artista, ad accettare l'offerta di Larry. Il primo passo del progetto 'Callas Forever' è la registrazione in video della Carmen, opera mai interpretata a teatro da Maria. La presentazione dello speciale negli studi è un successo clamoroso, tanto che si pensa già a filmare una nuova opera, ma...

Prima serata su Rai Storia (canale 54) alle 21.25 per il doc TOGLIATTI(GRAD) di Gian Piero Palombini e Federico Schiavi.
Sinossi: Togliattigrad, città simbolo dell’incontro tra due visioni del mondo in totale contrasto; da una parte la Fiat di Torino, simbolo del capitalismo e del blocco anticomunista e dall’altra l’Unione Sovietica, icona dell’opposizione socialista al modello economico occidentale. Grazie al racconto dei testimoni diretti, partecipiamo ad un’epopea in cui il sogno di un’industrializzazione controllata e l’inquadramento e la gestione attenta delle vite dei lavoratori, rendono queste due visioni sorprendentemente coincidenti. Nel cuore ghiacciato della steppa russa riviviamo i 36 mesi della costruzione di una città da 400.000 abitanti attorno ad una fabbrica da 600.000 auto l’anno. Italiani, russi, francesi e tedeschi si ritrovano accomunati in un unico intento tra amicizie, dissapori, amori riusciti ed altri falliti. Generazioni di creativi e tecnici disegnavano, progettavano e realizzavano automobili diventate, attraverso gli anni, veri e propri gioielli di design e tecnologia. Oggi, con la fine dell’impero sovietico e l’affermarsi dell’economia globale, essi sono stati irrimediabilmente soppiantati da un sistema più efficace e più deciso nell’affrontare un nuovo modello di sviluppo e di organizzazione del lavoro. La LADA e lo stabilimento AUTOVAZ, un tempo vettori di un’impresa epica unica nella storia italiana, oggi issano bandiera francese. Sono ormai controllate della Renault e quel sogno italiano sembra essersi dissolto per sempre.

Infine, RaiDue alle 0.45 propone "Il mio domani" di Marina Spada con Claudia Gerini.
Un film che ti resta dentro, volutamente lento e sospeso a mezz’aria. Il domani si può cambiare, solo noi possiamo farlo.

01/05/2015, 08:00

Carlo Griseri