I Viaggi Di Roby

Su Rai3 alla scoperta del "Mennea Segreto"


Su Rai3 alla scoperta del
Nella serata dedicata alla grande Atletica, con la diretta del Golden Gala dallo stadio Olimpico di Roma, Rai3 ricorda a seguire un grandissimo atleta italiano scomparso, al quale, per altro, lo stesso Golden Gala è intitolato. Con un toccante documentario di Emanuela Audisio, grande firma del giornalismo sportivo, in onda giovedì 4 giugno 2015 alle 22.30, si entrerà nella vita di Pietro Mennea.

Ma si riscoprirà l’altro Mennea, quello segreto che non corre, che studia, lavora, scrive, partecipa, s’interessa alla vita civile. Quello più segreto, più discreto, più sconosciuto, che non tiene alla pubblicità. Quello timido, che invita i suoi amici ad una festa, ma non dice loro che è per il suo matrimonio. Quello che dà gli esami all’università di nascosto. Quello delle quattro lauree, che non si accontenta del titolo mondiale, dell’oro olimpico, dei trofei sportivi, ma con altrettanta testardaggine cerca un traguardo anche nell’esistenza quotidiana, che va anche al Parlamento europeo a Bruxelles. Quello che non si fida di chi vuole sfruttare il suo nome, ma si mette a disposizione di ospedali e bambini. La sua ossessione per la privacy, nell’essere un uomo molto privato, nonostante per tutti sia il bianco più veloce del mondo. Quello che cerca un futuro e nasconde a tutti la sua malattia perché vuole farcela e non cerca compassione.

72 minuti di documentario, con interviste, filmati, fotografie, testimonianze di chi lo conosceva bene. Dal recordman mondiale americano Tommie Smith, quello del pugno nero a Città del Messico ’68, al magistrato Ferdinando Imposimato, dall’ingegnere Mauro Moretti, attuale Ad di Finmeccanica, a Giovanni Malagò, presidente del Coni, da Carlo Vittori, il suo allenatore per una vita, a Franco Fava, che scoprì insieme a Pietro, in un lontano giorno del 1968, di avere talento e passione per l’atletica. Tutto per rendere omaggio ad un campione, all’oro di Mosca, all’ultimo primatista mondiale (19”72  sui 200 metri)  dell’atletica italiana, così poco conosciuto nella sua vita reale e così tanto osannato per i suoi meriti sportivi. Ma che voleva essere grande e vero soprattutto nella vita.

04/06/2015, 11:10