I Viaggi Di Roby

Settimana Internazionale della Critica 30 - "Light Years":
l'esordio-rivelazione di Esther May Campbell


Settimana Internazionale della Critica 30 -
Una scena di "Light Years" di Esther May Campbell
Che cos’č la famiglia? Per Rose, la protagonista di "LIGHT YEARS" – l’esordio di Esther May Campbell in concorso alla 30. Settimana Internazionale della Critica – č come una costellazione profondamente unita, sospesa nell’infinito: le stelle che la compongono si possono percepire tra di loro, nonostante siano scomparse milioni di anni fa. Nonostante siano distanti – come suggerisce il titolo – “anni luce”. Riusciranno anche i membri della sua costellazione – pardon: famiglia – a rimanere uniti, mentre tutto va in frantumi?

"All’origine del film" – racconta la regista – c’era nella mia testa l’immagine di una bambina di otto anni che rincorre l’autobus per andare dalla mamma”: quella bambina č diventata Rose, sua madre č Moira, ricoverata in una casa di cura. Rose č troppo piccola, non capisce perché nessuno, in famiglia – il padre Dee, la sorella adolescente Ramona, il fratello Ewan – voglia accompagnarla a trovare la mamma. E cosě, un giorno, improvvisamente esce di casa e decide di andarci da sola…

Il punto di vista del film č il suo: quello di una bambina che si salva dal dolore grazie all’immaginazione, che alla consapevolezza dei due fratelli adolescenti contrappone lo sguardo vitale e pieno di speranza dell’infanzia.

Girato con uno stile ricco di spunti visivi e sonori, "Light Years" č – spiega il delegato generale della SIC, Francesco Di Pace – “un film rivelazione, una scoperta sicura” che racconta “tre ragazzi di etŕ diverse costretti a confrontarsi con le distanze che li separano dalla vita adulta, in un road movie a piedi che li condurrŕ alla coscienza del mondo reale che li circonda”.

09/09/2015, 12:33