I viaggi di Roby

CANNES 69 - "I Tempi Felici Verranno Presto": nel bosco con Comodin


Alessandro Comodin presenta il suo nuovo film alla settimana della critica di Cannes. A tratti incomprensibile, racconta di un bosco, della natura, di leggende e di uomini e donne che si incontrano in esse. Coproduzione italo-francese, realizzato con il sostegno del Mibact e di Rai Cinema non ha ancora una data di uscita definita.


CANNES 69 -
"I tempi felici verranno presto" di A. Comodin
Fa molto riflettere il film di Alessandro Comodin e alla fine la domanda che resta "cosa avr voluto dire?".

"I Tempi Felici Verranno Presto" talmente criptico che alla fine della proiezione l'esigenza quella di cercare spiegazioni, negli spettatori accanto o in qualcosa di scritto come la sinossi o le due pagine di note di regia. Ma niente anche scambiando opinioni e leggendo informazioni non si arriva a nulla di concreto se non che un'ora e quarantadue minuti di durata sono obiettivamente troppi.

La storia parla di un bosco (o forse no...) e di persone che lo vivono allontanandosi dalla civilt chi per scelta chi per forza. Poi queste persone si incontrano (o forse no...) e i loro destini si legano in diversi piani temporali e della realt. La vita, la morte, la natura e le leggende legate ad essa. Ma devo ammettere che forse non cos.

Il secondo lungo, lunghissimo di Comodin dopo "L'Estate di Giacomo", sembra pi che un passo indietro; fa pensare a un passo di lato con cui si finisce nelle sabbie mobili.

I selezionatori della Semaine de la Critique di Cannes 2016 lo avranno scelto sulla fiducia, a occhi chiusi, almeno per la durata del film.

13/05/2016, 10:00

Stefano Amadio