Festival del Cinema Città di Spello
I Viaggi Di Roby

BFF 34 - Rohmer e Brunori Sas per l'anteprima


Il Festival si apre con un “racconto d’estate” tra cinema e musica.


BFF 34 - Rohmer e Brunori Sas per l'anteprima
Parte con una serata di anteprima il 34° Bellaria Film Festival, rassegna cinematografica organizzata dal Comune di Bellaria Igea Marina. Un festival che in oltre trent’anni di vita si è affermato come osservatorio privilegiato sul cinema indipendente prima e documentario poi, anticipando il successo di autori come Paolo Sorrentino, Silvio Soldini, Gianluca Maria Tavarelli, Ciprì e Maresco, Pappi Corsicato, Roberta Torre, Pietro Marcello e Gianfranco Rosi.

Si comincia giovedì 26 maggio 2016 (ore 20.30) all’Arena Italia di via Rovereto con un omaggio a Éric Rohmer e a uno dei suoi capolavori: "Un ragazzo, tre ragazze (Conte d’été)", il più celebre dei suoi "Racconti delle Quattro Stagioni". Sono passati vent’anni dalla presentazione a Cannes di quel “racconto d’estate”, e il Bellaria Film Festival, in collaborazione con la Cineteca di Bologna, gli dedica un focus che prevede la proiezione del film in versione originale sottotitolata. Ambientato a Dinard, in un ventoso e affollato luglio bretone, Un ragazzo, tre ragazze racconta le indecisioni sentimentali di un laureato in vacanza, lo stralunato Gaspard (Melvil Poupaud), diviso tra l’attesa della volubile fidanzata Léna (Aurélia Nolin) e gli incontri con Margot (Amanda Langlet) e Solène (Gwenaëlle Simon). Con pennellate lievi, degne di un maestro della Nouvelle Vague, Rohmer dipinge la fitta rete di incomprensioni e i piccoli scherzi del caso che indirizzano le relazioni umane come farebbe il vento dell’Atlantico. La proiezione è preceduta da un’introduzione di Andrea Morini (Cineteca di Bologna) e Marco Antonio Bazzocchi (Università di Bologna, direttore del Museo La Casa Rossa di Alfredo Panzini), e da un live di Fabio Mina, musicista riminese attivo anche con Markus Stockhausen. Per l’occasione Fabio Mina ha preparato un set originale per flauto, elettronica e field recording ispirato alla colonna sonora del film.

La serata prosegue alle 23, sempre all’Arena Italia, con uno dei più brillanti cantautori italiani, Brunori Sas. Imprenditore mancato e neo-urlatore della provincia cosentina, Brunori Sas si è segnalato sin dagli inizi per la sua scrittura diretta e piena di ironia, capace di evocare atmosfere squisitamente popolari – palloni bucati e ragazzi di provincia, il mare d’inverno e le cotte d’agosto – pescando con la memoria negli stessi anni Novanta raccontati da Rohmer nel ciclo delle stagioni. Con il tempo, si è lasciato alle spalle il racconto autobiografico e ha spostato lo sguardo verso storie di vita altrui. Il suo stile scanzonato e il suo estro da performer si riallacciano alla miglior tradizione della canzone all’italiana, rinnovandola con umorismo e malinconia. Per il Bellaria Film Festival propone un live set acustico, accompagnato da una conversazione con Serena Riformato (Indie for Bunnies).

Le proiezioni dei film in concorso al 34° Bellaria Film Festival sono in programma da venerdì 27 a domenica 29 maggio: sono in tutto 18 i film selezionati per Italia Doc e Casa Rossa Art Doc, concorsi dedicati come negli ultimi anni al cinema documentario; ben 7 le prime visioni italiane. Il focus su Rohmer organizzato insieme alla Cineteca di Bologna prosegue con la proiezione, fuori concorso, di un prezioso documentario su "Un ragazzo, tre ragazze" firmato da Jean-André Fieschi e Françoise Etchegaray, assistente storica di Rohmer. Il film, dal titolo "La fabrique du Conte d’eté", è in programma venerdì 27 maggio (ore 20) al Cinema Smeraldo.


Alessandra Tieri

25/05/2016, 13:08