OFF - Ortigia Film festival
I viaggi di Roby

Dal 2 al 28 agosto al MIC di Milano "Stefania
Sandrelli, seducente, sempre"


Dal 2 al 28 agosto al MIC di Milano
Una scena del film "La Chiave"
Dal 2 al 28 agosto 2016 presso il MIC - Museo Interattivo del Cinema, Fondazione Cineteca Italiana presenta STEFANIA SANDRELLI, SEDUCENTE, SEMPRE, un omaggio a una delle pi amate attrici italiane, nellanno del suo settantesimo compleanno.

Diciassette i film in programma, a partire dal titolo forse pi noto, "Sedotta e abbandonata" (1963) di Pietro Germi, dove la Sandrelli, giovanissima, ci regala una delle sue pi indimenticabili interpretazioni. Di Germi certo non potevano mancare il film che la rese celebre, "Divorzio allitaliana" (1961) e "Alfredo, Alfredo" (1972) dove la Sandrelli recita affianco a Dustin Hoffman. Della proficua collaborazione con Bernardo Bertolucci, in programma "Novecento" (1976), diviso in due atti, dove interpreta la compagna di Olmo, e il grande capolavoro "Il conformista" (1970), tratto dal romanzo omonimo di Alberto Moravia, dove erotismo, politica e crisi esistenziali si intrecciano sui volti impeccabili della Sandrelli, di Jean-Louis Trintignant eDominique Sanda. Come non inserire in un omaggio dedicato alla Sandrelli una delle sue pi notevoli interpretazioni, "Ceravamo tanto amati" (1974) di Ettore Scola, dove veste i panni della donna amata e contesa da Gassman e Manfredi, e di certo non poteva mancare "Io la conoscevo bene2 (1965) dove Antonio Pietrangeli scommesse su di lei, e fece bene perch sia il film che lattrice protagonista ottennero grande successo di critica e pubblico.

Nella retrospettiva anche un titolo di Tinto Brass, "La chiave" (1983), pellicola scandalistica che prende spunto da un romanzo giapponese di grande successo, e uno di Marco Bechis, "Figli-Hijos" (2001), ambientato nellArgentina dei Generali, un racconto duro e asciutto alla ricerca di una verit complessa e difficile da accettare per due fratelli separati alla nascita.

Fra i titoli pi recenti in calendario "La vita come viene" (2001) di Stefano Incerti che ritrae un mosaico di esistenze con i loro amori, drammi e passioni, alla ricerca del senso della vita; "Un film parlato" (2003) di Manoel de Oliveira, un viaggio attraverso i luoghi del Mediterraneo, un film che sinterroga sui valori persi e ritrovati della cultura occidentale; il noir di Ferzan zpetek "Un giorno perfetto", tratto dal romanzo di Melania Mazzucco, dove i protagonisti sono una coppia di separati, Valerio Mastrandrea e Isabella Ferrari, e la Sandrelli si riconferma come grandissima attrice, e infine il film che le fece vincere un Nastro Dargento, diretta da Paolo Virz, "La prima cosa bella" (2009), commedia drammatica che si appoggia su un cast di attori straordinari ed efficaci, a partire dalla Sandrelli stessa e da Micaela Ramazzotti che interpretano entrambe la protagonista Anna in due diverse stagioni della vita, fino a Valerio Mastrandrea e Claudia Pandolfi.

30/07/2016, 09:38