Festival del Cinema Citt di Spello
I Viaggi Di Roby

ENRICO ZOI - "Vent'anni del Ciclone, film evento per Firenze"


Intervista al co-autore, insieme a Philippe Chellini, del libro "Il Ciclone quando passa"


ENRICO ZOI -
"Il Ciclone"
Porto Seguro Editore ha pubblicato "Il Ciclone quando passa", libro scritto a quattro mani da Enrico Zoi e Philippe Chellini in occasione del ventennale dell'uscita al cinema di uno dei pi grandi successi di sempre della commedia italiana. Abbiamo intervistato Zoi a poche ore dalla presentazione ufficiale del volume.

Qual il vostro rapporto con il film?

"Il Ciclone" film che al di l del successo nazionale indiscusso, a Firenze gode di un particolare affetto, diventato subito un classico della comicit toscana, ci sono intere generazioni che lo conoscono a memoria, anche i pi giovani.
lo lo avr visto almeno 4-5 volte, e con Philippe c'eravamo al cinema Ariston quel 12 dicembre 1996 all'anteprima (c'ero anche a "I Laureati"...).
Cosa penso di questo film? L'ho rivisto anche ora per scrivere il libro, ho di nuovo riso fino a piangere come la prima volta!

L'anno dopo "Fuochi d'artificio" ebbe un successo analogo, ma "Il Ciclone" ad essere rimasto maggiormente nell'immaginario collettivo. Come mai?

Innanzitutto perch Leonardo, anche se ha questo atteggiamento da bambinone ma cresciuto, una persona sera che ha studiato la commedia all'italiana, conosce a menadito i film di Monicelli e degli altri.
Poi ci sono le congiunzioni astrali. Gi col film precedente, "I Laureati", aveva avuto ottimi riscontri, ma qui - con Giovanni Veronesi, non dimentichiamolo - ha trovato le battute giuste, gli attori giusti... nulla fuori posto, sono stati bravi a non montare nel film alcune scene che avrebbero squilibrato il film (Leonardo un grandissimo professionista, sa fidarsi delle persone competenti di cui si circonda!).
Senza dimenticare la necessaria botta di fortuna di essere usciti al momento giusto, quando quella fetta di cinema italiano era scoperta...

Come avete strutturato il libro?

Il libro nasce da una mega-intervista fatta a casa sua, in cui ti assicuro che non ridere ascoltandolo appollaiato sul suo divano, impegnato in un vero show, stato difficilissimo!
Non l'abbiamo trascritta come botta e risposta nel libro, diventata una sorta di raccontino in prosa dei vari incontri e vicissitudini.
Poi ci sono le testimonianze di quasi tutti i personaggi che hanno lavorato al film, aggiornando anche la loro biografia ad oggi (abbiamo sentito anche Lorena Forteza!), a cui si aggiunge una introduzione di Pieraccioni che ha rivisto, su nostra richiesta, il film.
E infine un referendum sul s o no ad un remake (o seguito) del Ciclone, ma i risultati li sapr solo chi legge il libro...

Per informazioni sul libro: www.portoseguro.it

08/12/2016, 10:44

Carlo Griseri