I Viaggi Di Roby

ANGELO - La vita di una "barbona"


ANGELO - La vita di una
La regista Federica D'Ignoti
Il cortometraggio "Angelo" di Federica D' Ignoti tratto dal monologo di Ketty Governali, quale ne anche interprete, coglie lo sguardo e la vita quotidiana di una barbona di cittche vive girovagando e dorme su marciapiedi e panchine. Non si sa quale sia il suo nome ma possiamo sentire la sua voce, prestare ascolto ai suoi pensieri in voice over, veniamo a conoscenza dei maltrattamenti, delle violenze e degli abusi che l'hanno condotta a vivere in questo stato di abbandono. Ma soprattutto la barbona ci rivela la sua ossessione pi grande, la sua unica e irripetibile fortuna: suo figlio Angelo. La citt fa da sottofondo fastidioso, indifferente e allo stesso tempo infastidito dalla sua presenza ingiustamente additata come minacciosa. Agli occhi della barbona come allo sguardo dello spettatore la percezione della realt alterata, distorta. Infatti la vista dello spettatore modificata dall'uso di una correzione adoperata sui colori naturali per creare un'atmosfera fredda e distaccata. "Angelo" un cortometraggio intenso e aggressivo che invita lo spettatore ad interrogarsi e guardasi intorno.

13/05/2017, 08:51

La Redazione