Napoli Film Festival
I viaggi di Roby
Cinema Aquila

METTI LA NONNA IN FREEZER - ... e vivi felice e contento


Opera prima di Giancarlo Fontana e Giuseppe G. Stasi, parte dall'attualit per addentrarsi nella commedia sentimentale. Un paese di truffatori dove tutto si risolve con l'amore. Scritto da Fabio Bonifacci e interpretato da Fabio De Luigi e Miriam Leone con Lucia Ocone, Marina Rocco e Barbara Bouchet. In sala dal 15 marzo con 01 distribution


METTI LA NONNA IN FREEZER - ... e vivi felice e contento
Fabio De Luigi e Miriam Leone
Il presupposto, anche se un po trito, buono, agganciato allattualit. I malanni di un paese come il nostro e i rimedi, spesso illegali, per curarli. E cos a fronte di un Maresciallo della Finanza integerrimo, Fabio De Luigi, che caccia e arresta i finti invalidi, c una sventurata restauratrice, Miriam Leone, che rischia il fallimento perch lo Stato non le paga i 120 mila euro che le deve da tempo per i suoi lavori.
E dunque come risolvere la faccenda per non sparire? Mettendo la nonna (Barbara Bouchet), morta di colpo, nel congelatore e continuando a percepire la sua pensione con cui mandare avanti la baracca.

"Metti la Nonna in Freezer" poteva partire da questi spunti per diventare frizzante e interessante ma si incarta nei soliti stereotipi del cinema italiano, dove lamore, la famiglia, i figli sembrano ingredienti indispensabili per soddisfare le esigenze di un pubblico da soap opera. L'amore non solo un elemento della commedia ma diventa il motore, il cardine e la soluzione della storia.

Agli stereotipi da commediola cotta e mangiata si aggiungono i soliti vizi in fase di scrittura, con la casualit che prende il sopravvento quando ogni circostanza potrebbe complicarsi (e diventare interessante). Le situazioni vanno a svilupparsi e a risolversi con una leggerezza che sfiora la superficialit sfruttando labusato alibi della fiaba moderna nel momento in cui non si sa pi che pesci andare a prendere, dimenticando, da una scena all'altra, che si partiti con le cinture ben allacciate alla cronaca e all'attualit.

Superficialit anche nella scrittura dei personaggi che sembrano pi impegnati a mettere pezze alla storia che a crearla con le loro vicende. I dialoghi e le situazioni spesso irreali non aiutano gli interpreti costretti a fare gli straordinari lavorando sui tempi, traditi, da commedia.
E anche un'outsider come Lucia Ocone fa fatica a colpire con i suoi tempi comici eccezionali.

12/03/2018, 09:05

Stefano Amadio

Video del giorno