-D30
I Viaggi di Robi

NAPOLI FILM FESTIVAL 20 - "Essere Gigione"


NAPOLI FILM FESTIVAL 20 -
Una scena di "Essere Gigione"
Che cosa trasforma un uomo in un mito, un fenomeno e un santo? Il documentario Essere Gigione di Valerio Vestoso - ricostruendo la vita straordinaria del cantante partenopeo Luigi Ciaravola- cerca di rispondere a questa domanda, ripercorrendo la leggenda popolare del personaggio pi amato di Boscoreale. Un napoletano eccentrico dallentusiasmo contagioso, abituato fin da bambino ai palchi delle feste patronali e delle sagre, che piano piano conquista tutti, trasformando i suoi concerti in dei pellegrinaggi tra sacro e profano.

Il regista ricostruisce il personaggio in maniera diretta e indiretta, avvalendosi anche delle testimonianze dei fan (religiosi, gente comune, persone affette da disabilita, bambini e anziani). Perche Gigione amato da tutti, un mattatore, la sua immagine trasmette leggerezza, gioia, le sue canzoni sono inni alla vita come la campagnola, preghiere di lode per santi e Madonne, tarantelle da ballare. Il film racconta anche il Luigi uomo, attraverso le conversazioni con il suo staff, con i familiari, i dietro le quinte prima di salire sul palco o partecipare a trasmissioni televisive. Il risultato uno zoom sociologico sul suo pubblico, uno spaccato altro di un Mezzogiorno trash, ma allegro e spensierato, che in maniera religiosa segue fedele il suo mito con tanto di gadget e santini, rincorrendo selfie ed autografi. Ma anche i miti tramontano, quando londa non pi cavalcabile nemmeno dalle imitazioni.

Forse anche Gigione destinato a tramontare e il film si interroga su questo negli ultimi minuti, decisamente pi malinconici rispetto al resto della pellicola.

24/09/2018, 18:42

Miriam Monteleone