FilmdiPeso - Short Film Festival

Note di regia di "La Storia Quasi Vera di
Stefano Benni - Le Avventure del Lupo"


Note di regia di
Raccontare Stefano Benni, in un documentario, significa fare un viaggio nella sua letteratura, nel suo teatro, nella sua musica. Significa anche fare un percorso di quarantanni, attraverso lItalia e le sue trasformazioni, che la sua penna ha saputo raccontare, con arguta maestria. Il mio interesse documentario si concentrato nelle relazioni personali e nelle amicizie che lo scrittore ha instaurato in tanti anni, incontrando personaggi del mondo della letteratura e non solo. Raccontare la sua scrittura poliedrica attraverso la sua voce e quella dei suoi amici, stata una sfida intrigante che mi ha permesso di avvicinarmi al suo mondo. La scelta di affiancare quattro episodi danimazione realizzati da Luca Ralli, a integrazione con il cinema del reale, ha voluto completare il suo mondo immaginario che caratterizza la sua letteratura.
Latto di filmare per raccontare Stefano Benni, contribuire a un racconto immaginario, fatto di personaggi e storie, vere e fantastiche, ed entrare in questo mondo con la macchina da presa ha significato ritrovare quelle suggestioni che ho vissuto come lettrice dei suoi libri. La nostra amicizia stata fondamentale per fare insieme questo viaggio e avere la sua fiducia mi ha permesso di raccontare la sua storia. Un processo fondamentale per potersi muovere con agilit e naturalezza alla presenza mia e della macchina da presa. Questo stato dazione durante le riprese mi ha consentito di trovare la giusta distanza fra Stefano Benni e lobiettivo, il luogo dove posizionare la camera e di come costruire linquadratura. Lo stile asciutto e realistico, con unattenzione particolare al sonoro e alla voce dello scrittore che ci accompagna nel film, vuole evidenziare quel confine fra la parola scritta e letta, con una voce dal timbro inconfondibile. Le sequenze originali che formano il materiale di repertorio, sono utili e fondamentali per ricostruire alcuni passaggi della sua vita. I numerosi luoghi e le diverse situazioni nellarco di alcuni mesi, mi hanno indotto a scegliere la strada della troupe ridotta e versatile, dove il mix di animazione, repertorio e materiale girato formano uno stile che pu ricordare il collage.
Questo film nasce dopo altre collaborazioni con Stefano Benni, come il cortometraggio Baol e il dvd di Misterioso. La stima che ci lega mi hanno spinta a intraprendere questo documentario. Decisione avvenuta dimpulso, convinta che avrei trovato durante il viaggio altri fondamentali compagni, come i produttori, Sofia Cortellini Klein e Luigi Tortato, che hanno creduto nel progetto e nelle sue potenzialit.

Enza Negroni