FilmdiPeso - Short Film Festival

MESTRE FILM FEST XXI - I vincitori


MESTRE FILM FEST XXI - I vincitori
La giuria della sezione Short Stories presieduta dal regista Fabio Bobbio e composta inoltre dal cinefilo e gattofilo Giacomo Pistolato e dallattrice e scrittrice originaria di Arzignano e protagonista della fiction televisiva Lallieva, Anna Dalton ha assegnato i premi:

Premio IMG Cinemas Short Stories Miglior cortometraggio internazionale 2018
Fifo (Belgio, 2017) di Sacha Ferbus e Jeremy Puffet
con la seguente motivazione: Per aver saputo raccontare, attraverso uno stile maturo e coerente che valorizza al massimo il lavoro degli attori, una piccola storia quotidiana di forte valore politico e morale.

Premio Fondazione CreativaMente short stories 2018 Miglior regista under 30
Sang Saz (Stone Maker, Iran , 2018, 14) di Ali Navaeian
con la seguente motivazione: Per aver accompagnato lo spettatore in un dramma intimo e famigliare, con un uso consapevole del ritmo, delle atmosfere e della messa in scena.

Premio SpecialeUniversit Popolare di Mestre 2018 Miglior documentario
The Man who planted a Forest (India, 2017, 5) di Sajeed A.
Per aver saputo dare valore al racconto di un piccolo grande eroe, dimostrando grande padronanza della tecnica cinematografica

Menzioni Speciali
Skeikima (Spagna, Western Sahara, 1459) di Raquel Larrosa
con la motivazione: per aver portato allattenzione dello spettatore un tema poco noto iItalia, conseguendo una forte vicinanza ai personaggi raccontati, alle loro storie, alle loro battaglie.
Nueve nudos (Venezuela, 1031) di Lorena Colmenares
con la motivazione: Per la consapevolezza e il rigore formale

Premio Speciale AMICI DELLE ARTI
La giuria dellAssociazione AMICI DELLE ARTI di Mestre e della Terraferma veneziana, presieduta da Marzia Boer, coadiuvata da Marcella Farina, Lucia De Colle, Anita Frigo e Paolo Tarda, ha assegna allunanimit il Premio Speciale amici delle arti 2018 dedicato a giovani registi Under 30 a:
Nizi Pozabil (You didn't forget, Slovenia, 2016, 14) di Simon Intihar
con questa motivazione: "Il regista ha saputo mettere a fuoco con forza espressiva, capacit tecnica e rappresentativa una comune ma emblematica storia di affetto, perdita, solitudine, ricerca, ricordi e sconforto in 13'40''. Il filmato si articola bene in rapide scene significative tra vani richiami, teneri sentimenti e preoccupate domande senza risposta della protagonista, fino al perdersi progressivo nei turbamenti della psiche, sottolineati dal ripetuto cadenzato riflettersi nel gioco di simbolici specchi, poi tra le vie di una caotica Lubiana e di un angoscioso percorso buio verso un ideale sito panoramico. Il mondo dei desideri e quello parallelo degli incubi infine si sovrappongono e si fondono nel forte appassionato abbraccio del ritrovamento. Il marito le ha parlato, l con lei. Un attimo... e sullo schermo della vita presente non c pi. La storia si chiude con una pianta di ortensia in fiore e la solitudine persistente dell'abbandonata che sogna l'impossibile. Trama non banale perch coglie in profondo l'umanit dolorosa dell'esistere e di chi resta solo, o teme di restare solo e, se anziano, fragile o malato, non sa ne pu trovare altre risorse che vivere di sogni e ricordi.

Premio Speciale Lions Club Mestre Castelvecchio
La giuria del Lions Club Mestre Castelvecchio composta dalla Presidente del Club Franoise Bulliard e da Marina Canal, ha assegnato il premio a
Inanimate (UK, 2018, 840) di Lucia Bulgheroni
con questa motivazione: "Curioso ed intrigante corto di animazione, con scelte tecniche e stilistiche provocatorie. Originale nella concezione, giovane e profondo, contiene una allegoria della vita in cui si affrontano realt e irrealt, normalit ed estraniamento, fino alla spersonalizzazione e alla successiva rinascita.Il linguaggio visivo, ricco di suggestione, raggiunge il massimo della sua carica emotiva nella scena in cui il personaggio, ormai inanimato, sfiorato da ombre ondeggianti che a poco a poco diventano mani: mani creatrici che plasmandolo a nuova esistenza producono di ritorno un flusso vitale e consolatorio per entrambi, in relazione reciproca".

SEZIONE VIDEOFORKIDS
Ha assegnato i premi la giuria presieduta da Massimo Zuin e composta da Maria Parisi e Vanessa Donaggio il

Il PREMIO CINIT VIDEOFOKIDS 2018 al miglior cortometraggio per ragazzi
Cambia_menti (Italia, 2018, 6) realizzato dalla Scuola Secondaria di Primo Grado Dante Alighieri di Modugno (BA)
con la seguente motivazione: "Una riflessione semplice, ma allo stesso tempo profonda, su temi attuali quali il bullismo, il suicidio, lemarginazione e la solitudine e su come lunione, la solidariet e lamicizia siano gli unici sentimenti in grado di salvare i giovani dal baratro pi profondo. Un dramma che trova il suo epilogo nella scoperta di valori che uniscono e rafforzano i fragili animi adolescenziali. Cambia_menti racconta, quindi, il tema dell'isolamento giovanile attraverso una prospettiva originale, sottolineata dalla freschezza dei dialoghi, della musica originale e da un linguaggio cinematografico accurato. Da rilevare anche la grafia utilizzata per il titolo volta a enfatizzare limportanza del cambiamento mentale e luso consapevole dellelemento fantastico, non solo come espediente, rendendolo un corto di genere, con un contenuto profondo.

Menzione Speciale CINIT VIDEOFOKIDS 2018
Scarabocchi dautunno (Italia, 2018, 6) realizzato dalla classe 48 Circolo Didattico Madre Claudia Russo di Napoli
"Una bambina, con una maschera che le nasconde il volto, entra in classe e i suoi stessi compagni la aiuteranno a liberarsene e a mostrarsi per quello che davvero. Il cortometraggio realizzato nell'ambito del Progetto "Scuola Viva in soli quattro minuti e con brevissimi dialoghi riesce a dimostrare come anche la diversit possa diventare un punto dunione e di condivisione".

Premio Unicef
Comitato Regionale Veneto per le opere che maggiormente rispondono ai principi ispiratori della Convenzione Internazionale sui Diritti dellInfanzia viene assegnato al cortometraggio:
Giustino, uccellino coraggioso (Italia, 2018, 3) realizzato dalla classe II C dell Istituto Comprensico San Giovanni Bosco di San Giorgio a Cremano NAPOLI
con la seguente motivazione: Giustino, uccellino coraggioso che vive sul Vesuvio, invece che andarsene decide di ricostruire il suo mondo e far tornare viva una foresta. Una fiaba di denuncia ecologica legata al problema dei roghi estivi, ma anche un bel racconto di coraggio, che induce a impegnarsi, e non rinunciare ai propri obiettivi senza prima lottare.
Il cortometraggio riprende uno degli obiettivo dellUnicef che si propone di sviluppare nelle bambine, nei bambini e negli adolescenti comportamenti eco-compatibili e di stili di vita sostenibili.
Giustino, che adotta in qualche modo i boschi del Vesuvio, diviene un esempio di impegno per la salvaguardia dellambiente in cui viviamo.

19/11/2018, 19:33