I Viaggi Di Roby

SCOMPOSIZIONI RELAZIONALI - Il teatro e Flavio Sciole'


Il libro raccoglie cinque testi teatrali inediti dell’autore e regista, tutti incentrati su ipotetici rapporti di coppia.


SCOMPOSIZIONI RELAZIONALI - Il teatro e Flavio Sciole'
Scomposizioni Relazionali. T - Teatro. Vol. 1
Esce il 5 febbraio 2019 il volume "Scomposizioni Relazionali" del regista Flavio Sciolè pubblicato dalla casa editrice marchigiana Aimagazinebooks. Il libro raccoglie cinque testi teatrali inediti dell’autore tutti incentrati su ipotetici rapporti di coppia. Il volume è il primo della collana One Shot, l’obiettivo della collana è la pubblicazione di vere opere uniche.

"Scomposizioni Relazionali" contiene due prefazioni di Emanuela Cocco e Fabio Massimo Franceschelli. L'opera è completata da sei foto di Emanuele Vagni e Chiara Francesca Cirillo. Sciolè regista e attore di teatro e di cinema da circa trenta anni agisce principalmente nella ricerca di nuovi linguaggi. A Gennaio gli è stata dedicata una retrospettiva al Macro Asilo di Roma ed ha partecipato al festival The Lift-Off Sessions (UK). Il suo monologo "Occhi Cavi" parteciperà per tutto il 2019 all'evento Teatro In Provincia organizzato dal Centro Nazionale di Drammaturgia Italiana Contemporanea - CeNDIC.

Flavio Sciolè (1970) agisce nel cinema, nel teatro di ricerca, e nella performance. Ha all’attivo centinaia di opere video proiettate-premiate-segnalate in centinaia di Festival nazionali ed internazionali. Ha pubblicato due volumi di opere teatrali ed è stato pubblicato anche all'estero. Da Gennaio i suoi film sono distribuiti on demand sulla piattaforma Holy Film.

Fabio Massimo Franceschelli scrive:”… La parola di Sciolè sembra reificarsi, farsi oggetto da toccare, muovere, soppesare, osservare in tutti i suoi lati, nei suoi più nascosti anfratti, e in tutte le sue possibilità permutative, parola da sezionare per osservarne gli organi interni, parola che diventa Cubo di Rubik girato e rigirato alla ricerca mai soddisfatta di un ordine produttivo, di una semiosi soddisfacente."

Emanuela Cocco scrive: "…Un dissidio irredimibile, reso da un serrato montaggio di campo e controcampo dialogico, attraversa questi testi di Flavio Sciolè in cui il vero antagonista della relazione resta fuori dal quadro, sommerso nello spazio bianco tra le battute di personaggi, vago, e per questo ancora più disturbante, come la promessa di una minaccia che potrebbe diventare azione, o forse no."

04/02/2019, 13:33