Festival Internazionale della Cinematografia Sociale \
!Xš‚‰

IN20AMO IL FUTURO - Lo Spazio Oberdan di Milano
compie 20 anni, si rinnova e cambia nome


IN20AMO IL FUTURO - Lo Spazio Oberdan di Milano compie 20 anni, si rinnova e cambia nome
Dal 10 al 12 maggio 2019, Fondazione Cineteca Italiana propone IN20AMO il futuro, tre giorni per festeggiare i 20 anni della sua preziosa attività cinematografica presso Spazio Oberdan, uno dei luoghi di cultura più importanti di Milano, che dal 20 maggio 2019 spegnerà momentaneamente le luci per rinnovarsi e diventare la sede di MEET, centro internazionale per la Cultura digitale con il supporto di Fondazione Cariplo.
Dall’autunno, nell’ambito delle sue attività dedicate alla disseminazione di innovazione e nuovi linguaggi creativi, MEET ospiterà anche la programmazione della sala cinematografica curata dalla Cineteca di Milano in collaborazione con LongTake.

Venerdì 10 maggio alle ore 19.30, all'inaugurazione della festa per i 20 anni di Spazio Oberdan, sarà presentata la nuova linea di programmazione della sala cinematografica di MEET Center curata dalla Cineteca di Milano, orientata sempre di più verso il cinema europeo di qualità.
A seguire, buffet e la proiezione di Miss Europa – Prix de Beauté (1930), il primo film proiettato a Spazio Oberdan proprio a maggio 1999, interpretato dall'indimenticabile Louise Brooks.

I tre giorni di festa prevedono una programmazione speciale con 11 capolavori della storia del cinema in pellicola 35 mm proposti a 3€, e due appuntamenti con il cinema muto musicato dal vivo.

Venti anni fa veniva inaugurata la sala cinematografica di Spazio Oberdan creata dalla Provincia di Milano sulle ceneri del cinema Giardini e affidata, come sede stabile di proiezioni, a Fondazione Cineteca Italiana. Da allora molti film, rassegne e festival si sono succeduti sullo schermo della sala. Oggi, grazie a una programmazione che è andata sempre crescendo, Spazio Oberdan è diventato uno dei più importanti centri di cultura cinematografica a livello nazionale.
Oltre un milione di spettatori, quasi 17 mila proiezioni e circa 8 mila film: un risultato che premia la volontà di porsi in una direzione molto precisa, quella di orientare la programmazione alla qualità.

Dal 10 al 12 maggio si alterneranno capolavori del cinema in pellicola 35 mm, uno per ogni decennio a partire dagli Anni Venti. Film che ancora oggi non hanno perso nulla della loro eccezionale modernità, potenza e incisività espressiva come 8 1/2 di Fellini, Solaris di Tarkovskij e Mulholland Drive di Lynch.
Non mancheranno film legati alla storia della Cineteca come Due dollari al chilo (2000), che spiega l’importanza della conservazione delle pellicole cinematografiche e del loro restauro, né due muti con esibizione live al pianoforte a cura dei pianisti Francesca Badalini e Antonio Zambrini, artisti che da 20 anni arricchiscono il programma della Cineteca con improvvisazioni musicali di alto livello, e che si esibiranno rispettivamente in Femmine folli (E. Von Stroheim, 1921) e nel citato Miss Europa - Prix de Beauté (A. Genina, 1930).

06/05/2019, 14:52