Festival del Cinema Città di Spello
I Viaggi Di Roby

RICORDANDO AMOS PAOLI - Torna la rassegna a Seravezza


RICORDANDO AMOS PAOLI - Torna la rassegna a Seravezza
Si parte Venerdì 21 Giugno 2019 alle ore 21:15 al Cinema Scuderie di Seravezza con il regista Luigi Monardo Faccini, che presenterà, assieme alla produttrice Marina Piperno, il documentario biografico Rudolf Jacobs, l'uomo che nacque morendo, presentato alla Mostra del Cinema nel 2011 nella sezione Controcampo.

Celebrato con un basso rilievo 'scolpito' nel cuore di Sarzana, Rudolf Jacobs è un eroe di guerra (medaglia d'argento al valore militare), entrato nella resistenza italiana, caduto nel Novembre 1944 e in un certo senso sopravvissuto nella Memoria. Non è la prima volta che Luigi Monardo Faccini, regista, giornalista e scrittore, si confronta con uno dei periodi più bui e controversi della nostra storia, se ne era occupato già per il cinema ( con Garofano rosso e Nella città perduta di Sarzana) e poi in televisione con una serie di video-ricerche, avviando un percorso di indagine dentro la Resistenza Toscana. Nato a Lerici, nell'Italia fascista poco prima della Seconda Guerra Mondiale, Faccini racconta una storia di antifascismo da non dimenticare.

L'incontro con i due ospiti sarà moderato da Giulio Marlia, docente ed esperto di cinema.

La rassegna prosegue Mercoledì 26 Giugno alle 21:15 al Cinema Scuderie con un incontro speciale con lo scrittore e musicista Marco Rovelli per parlare di letteratura, musica, minoranze e liberazione: Rovelli si occupa da decenni di temi di attualità, collaborando con riviste quali Left e Il manifesto, ha pubblicato diversi libri sulla tematica dei migranti e prosegue il suo impegno in musica, con numerose collaborazioni importanti tra cui il collettivo Wu Ming, Erri de Luca e Moni Ovadia.

Dopo l'incontro con Rovelli sarà proiettato il pluripremiato film La canzone perduta di Erol Mintaş regista curdo-turco classe 1983; il film segna il suo esordio nel lungometraggio dopo una breve esperienza nel cortometraggio con una storia personale: sullo sfondo di una Istanbul sconosciuta entra in scena la storia di Alì, maestro elementare che vive con la propria madre Nigar, che desidera tornare nel proprio villaggio. Nigar chiede al figlio di trovare una canzone che aveva ascoltato molti anni prima. I suoi desideri inappagati sembrano consumarla e Alì è combattuto, ma non riuscirà a fare niente per esaudirli.

«La rassegna cinematografica alle Scuderie è diventata una bella consuetudine degli ultimi anni nell’ambito del doveroso ricordo che la comunità di Seravezza tributa alla medaglia d’oro al valor militare Amos Paoli, eroe della Resistenza e della libertà», dichiara il presidente del Consiglio Comunale di Seravezza Riccardo Biagi. «Un valido modo, a nostro avviso, per rileggere una pagina di storia che ci appartiene, confrontandola con altre storie e con altri esempi di coraggio, di resistenza, di lotta, presentati e narrati attraverso l’efficace linguaggio del cinema. Nel ringraziare il Cinema delle Scuderie Granducali per essere anche quest’anno a fianco delle istituzioni in questa circostanza, invito tutti i cittadini ad assistere alle proiezioni ed agli incontri con gli autori così come a partecipare alla commemoriazione ufficiale che si terrà la sera del 30 giugno a Riomagno, paese natale di Amos Paoli».

18/06/2019, 13:27