OFF - Ortigia Film festival
I viaggi di Roby

MANTOVAFILMFEST - Dal 20 al 25 agosto la 12a edizione


Sei giorni di proiezioni, pi di 30 film e tanti ospiti. Un programma allinsegna del cinema italiano e, da questanno, anche internazionale. Ugo Tognazzi protagonista del manifesto ufficiale.


MANTOVAFILMFEST - Dal 20 al 25 agosto la 12a edizione
Il MantovaFilmFest arriva alla sua dodicesima edizione, che si terr a Mantova dal 20 al 25 agosto. Nel segno della continuit con un passato ricco di successi, anche per il 2019 la manifestazione gode della direzione artistica di Mimmo Calopresti. Ma non mancheranno importanti novit, tra cui una svolta importante: per la prima volta, infatti, la kermesse aprir le porte al cinema internazionale.

Fin dalla prima edizione, il MantovaFilmFest ha sempre concentrato la sua attenzione sul cinema italiano, in particolare sul mondo dei suoi nuovi autori e sulla ricerca di quelle opere meno raggiunte dal vasto pubblico. Da questanno, la volont quella di allargare gli orizzonti del festival, con lintroduzione della sezione Opere Prime Internazionali: una selezione di esordi cinematografici di produzione estera, sorprendenti per tematiche, linguaggio e consapevolezza del mezzo.

Il MantovaFilmFest ha avuto il piacere di ospitare tanti giovani autori in rampa di lancio, segnando per loro l'inizio di un percorso carico di riconoscimenti: a questo proposito si possono citare i nomi di Alice Rohrwacher, Andrea Segre, Pietro Messina, Gianluca e Massimiliano De Serio. Allo stesso modo, il festival da sempre occasione di incontro con le maggiori figure del cinema italiano: negli anni si sono succeduti grandi ospiti tra cui Giuseppe Tornatore, Nanni Moretti, Gianni Amelio, Alba Rohrwacher, Sergio Rubini, Fabrizio Bentivoglio Questo palcoscenico deccezione dora in avanti non sar pi riservato soltanto agli artisti italiani, ma aprir anche a talenti emergenti da tutto il mondo.

Il protagonista del manifesto ufficiale questanno uno dei pi grandi interpreti della storia del cinema italiano: Ugo Tognazzi. Protagonista di ruoli iconici come il Conte Mascetti di Amici miei o il contadino-camicia nera Gavazza de La Marcia su Roma, Tognazzi ha attraversato quattro decadi di cinema italiano, prendendo parte a pi di cento film.

Sar dunque il celebre attore cremonese il protagonista della Retrospettiva, che si propone di ripercorrere le tappe della sua sterminata carriera attraverso alcune delle sue pi grandi interpretazioni. Tutti i film della retrospettiva saranno proiettati in versione digitale restaurata.

Questi sono alcuni titoli in anteprima:

"La donna scimmia", frutto del sodalizio con il regista Marco Ferreri e presentato al 17 Festival di Cannes;
"I mostri" di Dino Risi, nuovamente in coppia con Vittorio Gassman;
"La vita agra" di Carlo Lizzani, tratto dal capolavoro di Luciano Bianciardi.

Oltre alla nuova sezione di Opere Prime Internazionali e alla Retrospettiva, il programma ufficiale, che verr reso pubblico nei primi giorni di agosto, mantiene al centro l'attenzione verso il cinema italiano degli esordi. Protagonisti indiscussi sono i nuovi autori, che costituiscono il Concorso Opere Prime: anche per il 2019, sono stati selezionati dieci esordi cinematografici italiani tra i pi interessanti della stagione. Per questa sezione viene assegnato il Lauro d'Oro al miglior film, col vincitore decretato dal pubblico tramite voto popolare. Una scelta nel segno della tradizione del festival, che mette al centro tutti coloro che, guardando il cinema e appassionandosi ad esso, lo rendono grande.

Non da meno sar la Sezione documentari, una panoramica sul cinema del reale di produzione italiana, fucina di sperimentazione e palestra per esplorare nuovi linguaggi e storie nascoste. In questa sezione, grazie alla riconfermata partnership con Mymovies.it - il cinema dalla parte del pubblico, sar assegnato un premio collaterale, conferito da quello che il pi diffuso e cliccato sito internet dedicato al mondo del cinema.

Da non dimenticare gli eventi speciali che arricchiscono il programma giorno per giorno: masterclass, incontri con autori, anteprime, cine-concerti, proiezioni in cuffia. Momenti variegati che punteggeranno la sei giorni di proiezioni, con un comune denominatore: la passione per il cinema e per le sue mille sfaccettature.

Dopo la felice esperienza del 2018, anche questanno verr istituita la Giuria Giovani: un gruppo selezionato di ragazzi tra i 18 e i 30 anni che, sotto la guida di un tutor professionista del settore, assegneranno una Menzione Speciale al miglior film della sezione Opere Prime. Il bando per la selezione dei giurati verr reso pubblico il 6 luglio, che sar online sul sito ufficiale del festival (www.mantovafilmfest.com) e sui suoi canali social.

Si riconfermano anche le consolidate location del MantovaFilmFest: da una parte il Cinema Mignon (la prima storica sala dessai di Mantova) con i suoi due spazi, cinema e arena, dellaltra il Conservatorio Campiani con lauditorium, il chiostro e il giardino.

Tanto cinema di qualit, dunque, con un percorso ricco di sfumature e sorprese, e soprattutto allinsegna di quel marchio di fabbrica che ormai diventato lanima del MantovaFilmFest: rendere il pubblico il primo protagonista di una vera festa di cinema.

09/07/2019, 10:09