Napoli Film Festival
I Viaggi di Robi

L'ISOLA DEL CINEMA - Dal 4 al 7 agosto Fuorinorma


L'ISOLA DEL CINEMA - Dal 4 al 7 agosto Fuorinorma
Sono sperimentali i film di cui parlo? Lo sono in quanto ricercano nuove strategie espressive diverse e opposte a quelle istituzionalizzate dal cinema di finzione e documentario. Lo sono perch scoprono nuove ipotesi narrative, nuove strutture drammaturgiche, nuove opzioni di montaggio, di musica, di suono. Lo sono perch non gridano il loro budget, ma sussurrano dialogicamente per chi ancora vuole ascoltare.

Cos Adriano Apr, direttore del progetto FUORINORMA, racconta lo spirito che anima il suo festival espanso, ospite per la seconda volta al Cinelab, de LIsola del Cinema, con una selezione di film a ingresso gratuito.

La manifestazione, curata da Adriano Apr e dall'Associazione Culturale Fuorinorma, ha come obiettivo quello di promuovere il recente cinema italiano indipendente e sperimentale, troppo poco conosciuto e ancor meno visto, nella convinzione che rappresenti il meglio della produzione italiana. Gli autori di quella che viene definita la via neosperimentale del nostro cinema si rivolgono a spettatori intesi come esseri pensanti, in grado di partecipare emotivamente al film, comunicando messaggi importanti e di forte impatto attraverso nuovi modi espressivi, fuori da regole precostituite. Insomma, un nuovo cinema per nuovi spettatori.

Film di apertura di questa interessante e originale kermesse, giunta alla terza edizione, domenica 4 agosto alle ore 21,00, sar CHACO, scritto e diretto da Daniele Incalcaterra e Fausta Quattrini. Ogni giorno 2.000 ettari di foresta vengono distrutti nel Chaco paraguaiano. Dopo El Impenetrable, il regista Daniele Incalcaterra, insieme alla co-regista Fausta Quattrini, torna ancora una volta su una posta in gioco molto alta e sui problemi relativi ai 5.000 ettari di foresta vergine del Chaco, ereditata dal padre. Incalcaterra cerca ostinatamente di restituire questa terra ai Guarani-andeva, i legittimi proprietari della foresta, e di impedire un progetto di deforestazione per la produzione industriale di soia transgenica e carne. Ma non tutti apprezzano la sua azione. Inizia cos una lotta aspra e intransigente contro interessi finanziari e burocrati. Incalcaterra spera, basandosi sul decreto del presidente della repubblica Fernando Lugo, di creare una riserva naturale chiamata Arcadia e un osservatorio scientifico per studiare gli effetti devastanti della deforestazione. Chi vincer? Una politica rispettosa della natura o quella del denaro? Corruzione, minacce e pericolo o speranza e utopia? Un film potente ed emozionante costruito come uno sconcertante thriller politico.

La rassegna prosegue luned 5 agosto alle ore 21,00, con due proiezioni: dopo CACH MMOIRES di Luca Manes, sar la volta di FAVOLA di Sebastiano Mauri, con Filippo Timi (che firma anche la sceneggiatura insieme allo stesso Mauri), Lucia Mascino, Luca Santagostino, Sergio Albelli e Piera Degli Esposti. Siamo negli Stati Uniti, anni Cinquanta. Tra barboncini impagliati, t corretti al whisky, peccaminose lezioni di mambo e minacce dinvasioni aliene, Mrs Fairytale passa le giornate rinchiusa nella sua casa meravigliosa e senza un attimo di respiro. Un mondo surreale in cui le aspirazioni e le speranze dei personaggi prendono corpo, si scontrano, crollano o si realizzano. Un sogno, forse, in cui chiunque pu finalmente essere chi desidera, ma dietro al quale si cela unaltra, sconvolgente realt.

Marted 6 agosto, sempre alle ore 21,00, si potr assistere alla proiezione di RUNNING IN SUBATOMIC MEDITATION di Lino Strangis: la visualizzazione della corsa impossibile di un essere umano nella irraggiungibile dimensione subatomica di cui costituito l'universo. Questa corsa una meditazione della mente che si lancia oltre i suoi limiti fisici per conoscere ci che normalmente gli precluso. A seguire, MANUEL, diretto da Dario Albertini, un racconto intimo di due storie: quella di un ragazzo di diciott'anni che esce da un istituto per minori privi di sostegno famigliare e per la prima volta assapora il gusto dolce amaro della libertà; e quella di una madre chiusa in carcere che vorrebbe tanto tornare indietro e ricominciare. Questi personaggi sono strappati dalla realt e trasportati dentro un film, che è prima di tutto un pedinamento sull'uomo, sulle sue speranze e le sue piccole vilt, ma è anche la storia di un'attesa, un giro a vuoto dell'anima, un racconto di formazione dentro un contesto periferico desolato e opprimente, che diventa esso stesso personaggio.

Mercoled 7 agosto alle ore 21,00, SE PENSO A QUEL GIORNO di Iginio De Luca unopera che si muove nel territorio che spazia tra decostruzione e ricostruzione dei segni, scegliendo di privilegiare la memoria familiare, per tornare bambino ed essere in contatto con linnocenza e la spensieratezza dellinfanzia, seguirne lo spirito allegro, malinconico e disincantato. Segue GUARDA IN ALTO di Fulvio Risuleo, la storia di Teco, un giovane che lavora come assistente in un forno, che una mattina assiste a un evento bizzarro che lo conduce in unavventura che si svolge attraverso i tetti di Roma. Come in un road movie, Teco si muove da un palazzo allaltro spinto dalla curiosit, scoprendo cos un mondo e un popolo sopraterraneo. Una vera e propria comunit con i suoi abitanti e le sue regole: una banda di bambini mascherati che sfugge dalla realt degli adulti, un apicoltore eremita tra le rovine romane, una mongolfiera proveniente dalla Francia guidata da Stella, unaffascinante ragazza e molto altro. Teco stupito da tutte quelle scoperte e di quante sorprese ancora quel mondo possa riservargli. In fondo bastato semplicemente seguire listinto e guardare in alto.

04/08/2019, 10:36