Sudestival 2020

MARCO POLO - In sala dal 16 gennaio 2020


MARCO POLO - In sala dal 16 gennaio 2020
Inizialmente previsto per il 28 novembre scorso, dal 16 gennaio arriva al cinema "Marco Polo", il film del regista fiorentino Duccio Chiarini.

Un anno intero dentro listituto tecnico fiorentino Marco Polo, fianco a fianco con studenti e professori, per raccontare senza filtri la nostra scuola, e con essa uno spaccato della nostra societ. E il nuovo documentario del regista fiorentino Duccio Chiarini, che da gioved 16 gennaio sar nei cinema di tutta Italia.

Distribuito in tutta Italia dalla Fondazione Stensen e realizzato con il contributo di Fondazione CR Firenze, Unicoop Firenze, Flc Cgil, Confindustria Firenze, Valmyn, il film ambientato nellIstituto Tecnico per il Turismo Marco Polo di Firenze. Ogni mattina 150 professori e 1.600 studenti varcano le sue porte per affrontare le sfide con cui la scuola li costringe a fare i conti. Sono le stesse sfide che affrontano ogni giorno milioni di persone nel mondo. Non riguardano soltanto i programmi da insegnare o le nozioni da imparare ma lessenza stessa delleducazione, il senso della cittadinanza, il valore dellaccoglienza. Il film un viaggio attraverso quelle sfide.

Ci sono ovviamente i ragazzi, impegnati a discutere di politica, a distrarsi con i cellulari in classe, a ridere dei propri strafalcioni ma anche impegnati a imparare le (nuove) lingue della globalizzazione (il cinese) e a insegnare litaliano ai migranti grazie al progetto scolastico della Penny Wirton. Ci sono gli insegnanti che si interrogano sul loro ruolo, che devono prendere decisioni pesanti per il futuro dei propri studenti. Ci sono le tante attivit straordinarie, dalla radio al giornalino della scuola, dai graffiti ai contest di musica trap, allo sport.

"Duccio Chiarini ha scelto la strada del documentario di osservazione, senza interviste e voce fuori campo, lasciando in questo modo tutto il campo ai protagonisti del mondo scolastico nella loro vita quotidiana - racconta Michele Crocchiola, direttore della Fondazione Stensen e produttore esecutivo -. Una modalit vicina a quella del regista americano Frederick Wiseman, che riprende i luoghi che sceglie raccontando le persone allinterno di un contesto, facendo emergere i loro ruoli e le relazioni sociali che li legano. Chiarini ha saputo fare un lavoro simile su un ambiente scolastico molto specifico, e speciale, che sorprende lo spettatore per la sua originalit e universalit. E riuscito a uscire dallambito fiorentino e far diventare il Marco Polo specchio dellItalia di oggi, nel bene e nel male."

La scelta di realizzare un documentario sulla scuola di oggi stata sin dal primo istante istintiva e naturale per il rapporto di profonda familiarit e gratitudine che ancora nutro verso la scuola pubblica ma anche per sottolineare un aspetto non secondario nella genesi e nello sviluppo di questo documentario ha detto il regista Duccio Chiarini - Sin dalle prime settimane in cui sono entrato dentro allIstituto Tecnico per il Turismo Marco Polo di Firenze, osservando la cura con cui aule e spazi comuni erano stati resi familiari a tutti, ho avuto la sensazione di essere in un contesto che adulti e ragazzi avevano trasformato assieme in una casa per ognuno, di essere capitato insomma in una strana scuola in cui sembrava sempre che fosse pomeriggio anche quando invece era mattina.

Le riprese del documentario sono durate circa quaranta giorni in totale, distribuiti da met novembre al giorno degli esami di maturit. Le telecamere del regista sono state una settimana al mese allinterno della scuola seguendone la vita quotidiana, gli incontri pomeridiani e soprattutto le attivit didattiche. Le riprese si sono concentrate su alcune classi che Chiarini ha individuato durante un periodo di osservazione senza registratori e videocamere.

15/01/2020, 12:11