OFF - Ortigia Film Festival
I Viaggi Di Roby

Note di regia di "Once Upon a Time: Tonino
Delli Colli Cinematographer"


Note di regia di
Tonino Delli Colli, uomo di Cinema e di Cinematografia, è stato sicuramente uno dei più alti interpreti dell’Arte della Luce e della fotografia in movimento, che il Novecento italiano sia riuscito ad esprimere sugli schermi nazionali e internazionali. Attraverso il suo Occhio, meccanico, ma soprattutto umano, ci sono arrivate le immagini dei più valenti Maestri del nostro ed altrui panorama cinematografico, dal dopoguerra in avanti, da Pier Paolo Pasolini a Federico Fellini, passando per Sergio Leone, e da Jean-Jacques Annaud a Roman Polanski, senza contare un Louis Malle ed un Yves Boisset d’annata. Ed un Academy Award procurato al culmine massimo della carriera.

Un film su Tonino Delli Colli, protagonista come pochi dello spirito e della grandezza del Cinema nazionale, era, oltre che doveroso, necessario non solo a celebrare una professionalità ed un percorso artistico, ma anche per dare alle stampe una vita ed carriera che hanno segnato la Storia degli Schermi italiani.

Il film vuole raccontare con dovizia di particolari, unicamente attraverso la suggestione delle immagini (come sarebbe piaciuto allo stesso protagonista), molte anche inedite e mai viste nemmeno dagli addetti ai lavori, provenienti da archivi stranieri e privati, il cammino, esistenziale e professionale, privato e pubblico, di un uomo e di un personaggio che ha trasformato un Mestiere ed un sapiente Artigianato, in un’inimitabile forma ed espressione artistiche. Dagli anni dell’apprendistato a Cinecittà, all’ascesa ai vertici della piramide, fino al prestigioso riconoscimento ricevuto dalla Hollywood dei colleghi dell’American Society of Cinematographers (anche qui con immagini personali ed inedite girate da compagni ed amici di lavoro), il film si dipana nei brani più significativi dei suoi film e soprattutto nei backstages più importanti, davanti e dietro la sua magica Macchina da Presa, nelle interviste ai grandi che lo hanno conosciuto ed affiancato, nelle sue stesse parole e nella sua stessa presenza fisica a discorrere dei ferri e dei fondamentali del mestiere. Un film che ha l’ambizione di narrare non con gli strumenti analitici e un po’ freddi del documentario, ma con quelli, avvincenti ed emozionali, del motion picture.

Per rendere su quella pellicola da lui tanto amata e plasmata come uno scultore col marmo o con la creta, un ritratto, il più veritiero e giusto, della figura e dell’opera di TONINO DELLI COLLI CINEMATOGRAPHER.

Claver Salizzato