Festival Internazionale della Cinematografia Sociale \
!Xš‚‰

GIORNATE DEGLI AUTORI 17 - Alle Giornate il cinema è donna


GIORNATE DEGLI AUTORI 17 - Alle Giornate il cinema è donna
La prima volta dell'Ungheria alle Giornate degli Autori. Una Budapest che assomiglia all'immaginario cinematografico che abbiamo di Parigi ma anche un po' a New York. Una neurologa in carriera, intraprendente, bella e confusa dall'amore o forse dall'idea che ne ha. Questo è Preparation to be together for an unknown period of time, opera seconda di Lili Horvát, in Concorso alle Giornate. Un titolo alla Wertmūller per una storia femminile che delle fragilità dell'amore fa la sua forza, il plot e l'estetica. Una nouvelle vague ungherese?

"Per me, Preparations... - ha commentato Lili Horvát - è principalmente una storia personale su quanto sia importante la proiezione nell'amore. Il nostro film sta in quella terra di nessuno, inquietante e torbida, che separa l'amore dalla follia. In che misura, dentro di noi, costruiamo storie d’amore?".

Anticipa la proiezione del film l'ormai classico appuntamento con MIU MIU - Women's Tales con due nuovi capitoli della "saga" collettiva fatta di cortometraggi diretti da registe d'eccezione invitate da casa Prada per raccontare il femminile. Il capitolo #19 di questa avventura si intitola Nightwalk e lo firma la regista polacca Małgorzata Szumowska. Il #20 è invece In my room, diretto da Mati Diop.

Małgorzata Szumowska al Lido anche per presentare Non cadrà più la neve, in concorso a Venezia 77, all'interno del programma Miu Miu Women's Tales racconta un'avventura notturna di trasformazione tra le strade di Varsavia. Mati Diop, già vincitrice del Grand Prix Speciale della Giuria a Cannes con la sua opera prima Atlantique, al Lido poterà il corto realizzato durante il lockdown. Subito dopo la proiezione in sala Perla #20 In My Room sarà disponibile sulla piattaforma MUBI, a inaugurare la partenership tra MIU MIU e MUBI, che porterà sul suo servizio streaming dedicato al cinema d’Autore i venti cortometraggi Woman’s Tales, presentati in questi anni alle Giornate degli Autori.

"Una giornata dedicata alla creatività femminile con la quale celebriamo da un lato il nostro film ungherese e dall'altro i dieci anni della fortunata collaborazione con MIU MIU che, con due "perle" ogni anno conferma e rivela grandi talenti - dice Gaia Furrer, responsabile artistica delle Giornate. Tre autrici che raccontano storie capaci di spingersi oltre i confini. Lili Horvát ha dato forma alle peregrinazioni della psicologia femminile in modo sofisticato ed emotivo, raccontando l'amore al limite tra idealizzazione e ossessione. E intanto Women's Tales di Miu Miu si arricchiscono del lavoro della straordinaria Mati Diop, che ci fa immergere in una sorta di diario personale e una coraggiosa Małgorzata Szumowska ci parla di sfumature, dal femminile al queer. Insieme a queste donne passeggiamo letteralmente dentro le emozioni, attraverso città, silenzi e desideri. Gli sguardi sono decisi, sobri e intensi."

La giornata si concluderà all’Isola degli Autori con 50 - Santarcangelo Festival, il documentario di Michele Mellara & Alessandro Rossi su centinaia di spettacoli, compagnie, parole, incontri, passioni, delusioni, tempeste che negli anni hanno fatto di Santarcangelo Festival uno specchio fedele delle tendenze dell'arte performativa del nostro paese e del loro cambiamento, un pezzo significativo della nostra storia.

05/09/2020, 15:22