CINECITTÀ SI MOSTRA
I Viaggi Di Roby

BURRACO FATALE - Intorno a un tavolo tra il gioco e l'amore


La commedia diretta da Giuliana Gamba arriva la cinema dal 1° ottobre. Quattro donne con la passione per il gioco che giocano con la passione. L'amore che non si spegne e gli intrighi familiari in una provincia agiata di fronte a esperienze nuove. Nel cast Claudia Gerini, Angela Finocchiaro, Paola Minaccioni, Caterina Guzzanti e Loretta Goggi.


BURRACO FATALE - Intorno a un tavolo tra il gioco e l'amore
Le attrici di Burraco Fatale di Giuliana Gamba
Gli sceneggiatori Giuliana Gamba e Francesco Ranieri Martinotti si presentano subito con la voce narrante della protagonista che ci racconta quello che stiamo vedendo per passare subito dopo a presentare se stessa e le sue tre amiche, con rispettivi mariti. Un bel raccontone con voce off, immagini e musica simil Shostakovich di supporto per introdurci, senza faticare troppo a scrivere il film, al magico quanto semplice mondo che ruota attorno a un tavolo di Burraco.

Siamo ad Anzio, ridente località portuale e marittima non lontana da Roma, benestante ma operosa, verace ma anche elegante. Il quotidiano tavolo da gioco allestito a casa di una delle amiche è punto di rifermento per chiacchiere e confessioni oltre che per la partita, sempre all’ultimo sangue. Una passione che porta le quattro amiche a essere tra le migliori del Lazio e poi a partecipare al torneo nazionale di Burraco.

Ma quello che conta, in fondo, come in ogni film italiano che si rispetti è il cuore e allora visto che una commedia che ruota soltanto intorno al gioco di carte, stile scopone scientifico, è facile da pensare, molto meno da scrivere e da dirigere la regista ci butta dentro questa storia d’amore impossibile, mischiando sana integrazione razziale a stereotipi sul migrante di turno che misteriosamente si trova in Italia a fare il pescatore su una barchetta di 5 metri mentre nel suo paese sembra un ricco principe con palazzo, mogli e figli a carico.

Non è facile, forse perché troppo elementare o senza senso, raccontare nel dettaglio quello che accade, con le povere attrici abbandonate a se stesse e a dei dialoghi spesso pleonastici e privi di un effetto sia sulla situazione che stanno vivendo sia sulla costruzione del loro personaggio.
"Burraco fatale" sembra un'operazione partita da idee anche indovinate ma sicuramente mal cresciuta durante il percorso creativo e realizzativo.

25/09/2020, 13:09

Natalia Giunti