Festival del Cinema Citt di Spello
I Viaggi Di Roby

BEATRICE AIELLO - Tra cinema e serie tv


Insieme a Paola Cortellesi nel quarto episodio della serie "Petra" nei panni di Amanda. Attrice ma anche autrice, con la direzione del corto "Lettera al Vento".


BEATRICE AIELLO - Tra cinema e serie tv
Beatrice Aiello
"Morte di carta" il titolo del quarto episodio (luned 5 Ottobre) di PETRA, la nuova serie originale di Sky Atlantic, tratta dai romanzi di Alicia Gimenez- Bartlett (editi da Sellerio) e diretta da Maria Sole Tognazzi, in cui entra in scena per la prima volta Amanda, la giovane sorella dellispettrice Petra Delicato, (Paola Cortellesi) interpretata da Beatrice Aiello, 30 anni, attrice ed autrice fra i volti nuovi del cinema italiano.

"Nel libro Amanda una donna disinibita, un po trasgressiva ci racconta Beatrice Aiello - mentre nella sceneggiatura della serie diventata lopposto di Petra. Quanto una emotiva, diretta, estroversa, tanto laltra indipendente e razionale. Per di pi Amanda sposata con figli, e vive a Roma mentre Petra, dopo due matrimoni falliti, vive sola, ed completamente dedita al lavoro. Per sono sorelle che si vogliono molto bene ed hanno un rapporto di grande tenerezza".

Com stato lavorare con Paola Cortellesi?

" stato bello e semplice, si perch Paola molto diversa dallispettrice Petra della serie. E una donna simpatica, disponibile, alla mano e mi ha messo subito a mio agio. Ero un po in tensione, avrei voluto provare, ma i tempi di una serie sono frenetici. In pi sono entrata quando loro venivano gi da settimane di lavorazione a ritmi pesantissimi. Paola (Cortellesi) stata molto dolce con me. E tutto filato liscio. Mi sembrava di conoscerla da sempre, forse perch la seguivo dai tempi di Mai dire Gol.

Lanno prossimo, invece, la vedremo al cinema.

"Certo! Mi vedrete in "Resilient", lultimo film di Roberto Faenza con Francesco Montanari e Laura Haddock e nel "Ritratto incompiuto di Clara Bellini" del regista albanese Namik Ajazi, in cui sono protagonista al fianco di Remo Girone e Antonio Kowdrin. Il film ambientato durante la dittatura di Enver Hoxha, del quale ignoravo la storia. La polizia segreta e la censura sotto di lui erano durissime. Ed stato molto forte per me, entrare dentro queste dinamiche".

Nel suo futuro c anche la regia?

"Spero di s. Questa estate ho firmato insieme ad Alessandro Genitori ed Elis Karakaci, il cortometraggio" Lettera al vento", girato a Stromboli, che ha ricevuto il Premio Troisi allultima edizione di Mare Festival a Salina. Poi ho lavorato su un filmdoc incentrato sul Le donne di San Nicola che devo montare, e in futuro mi piacerebbe girare una favola nera".

05/10/2020, 08:00

La Redazione