CINECITTÀ SI MOSTRA
I Viaggi Di Roby

FESTA DEL CINEMA DI ROMA 15 - Le conseguenze del caos


In anteprima "La Legge del Terremoto" opera prima di Alessandro Preziosi. Prodotto da Khora film con Rai Cinema in associazione con Istituto Luce-Cinecittà, prossimamente al cinema.


FESTA DEL CINEMA DI ROMA 15 - Le conseguenze del caos
Alessandro Preziosi - "La legge del terremoto"
“Io ho amato e perso qualcosa durante il terremoto dell’Irpinia del 1980, la terra aveva tremato anche se nella mia immaginazione di bambino aveva danzato”. Regista, voce narrante e interprete Alessandro Preziosi in "La legge del terremoto" racconta e indaga qualcosa che conosce molto bene: le conseguenze del caos, la perdita delle proprie abitudini, di una casa, delle proprie cose e naturalmente di persone amate, la perdita di una vita, la nascita di un’altra segnata inevitabilmente dalle macerie.

Nel film documentario si parla proprio di questo: non una denuncia o un’indagine sulle cause dei numerosi sismi che hanno lacerato negli anni diverse parti d’Italia ma una riflessione sulla ricostruzione quando si perde tutto in un attimo: Belìce nel 1968, il Friuli nel 1976, Assisi nel 1997, L’Aquila nel 2009, Amatrice nel 2016 e 2017. Un viaggio quello di Preziosi che racconta l’Italia dopo queste tragedie: l’emigrazione dalle zone colpite, la povertà, l’incertezza e in quanto “Paese d’arte” la perdita della nostra storia, del nostro patrimonio culturale, “di una memoria che non ci sarà”. Preziosi vaga per l’Italia alla ricerca di risposte, cercando anche l’aiuto in studiosi, intellettuali, storici, architetti come Erri De Luca, Franceco Merlo, Giulio Sapelli, Vittorio Sgarbi, Mario Cucinella, Pierluigi Bersani, Angelo Borrelli, Grazia Francescato.

Attraverso le immagini toccanti e incisive delle Teche Rai e dell’Istituto Luce, a documenti d’archivio e le suggestive riprese dei luoghi colpiti dai terremoti si ripercorre un pezzo di Storia d’Italia che non è solo tragedia ma anche volontariato, solidarietà, unione nei momenti peggiori. Qualcosa viene ricostruito a testimonianza di ciò che è stato come il Cretto di Gibellina, la straordinaria opera di land art, una sorta di sudario, realizzata da Alberto Burri nel luogo dove sorgeva la città vecchia di Gibellina completamente distrutta dal terremoto del ’68, nella quale Alessandro Preziosi si addentra e sembra perdersi in una sorta di omaggio a ciò e a chi non c’è più.

"La legge del terremoto" si rivela essere un’interessante ed emotiva opera sulla memoria, sui terremoti veri e su quelli personali che coinvolgono ognuno di noi, un documento suggestivo per ricordare.

19/10/2020, 16:30

Caterina Sabato