Festival del Cinema Città di Spello
I Viaggi Di Roby

Note di regia di "Mental"


Note di regia di
Quattro ragazzi, quattro adolescenti in cerca di sé stessi. Sognano, amano, hanno paura. Ognuno ha una patologia diversa, unica. Ma è impossibile segnare un confine tra la sensazione di normalità e quella di straordinarietà che ogni ragazzo vive. È qualcosa di fluido, un momento di crisi, un’oscillazione che vive o ha vissuto ognuno di noi, in cerca della propria identità. Mental è un racconto di formazione universale: nonostante racconti personalità estreme, le relazioni, i sogni e i bisogn i che muovono il racconto sono comuni a tutti gli adolescenti, anche quelli che non hanno mai passato un giorno in psicoterapia. Quattro ragazzi, quattro attori strepitosi a cui abbiamo voluto lasciare la libertà di esplorare i propri personaggi e di cre are relazioni vere sia tra di loro che con le peculiarità delle proprie patologie. Abbiamo girato con uno stile realistico e una macchina a mano che potesse seguirli, che gli stesse attaccata per non perdere niente del loro percorso attraverso i nostri qua ttro protagonisti. Abbiamo rappresentato la clinica in cui si muovono come un mondo a sé, fatto di regole e di spazi dedicati, colori concilianti e libertà controllate, forse troppo per tenere a bada l’esplosiva vitalità di gruppo di adolescenti come i no stri. Nonostante le costrizioni, però, quello dei protagonisti di Mental è un percorso verso l'accettazione di sé stessi che diventa sempre più divertente, incerto e doloroso. Solo il gruppo li salverà, perché, per quanti casini combinino, si aiutano e ne escono più forti di prima. Quattro storie autentiche, vitali, che come la ogni adolescenza sa lasciar spazio a risate e amore. Quattro ragazzi, quattro attori strepitosi. Vitali, liberi, sempre pronti a regalare una risata piena di speranza.

Michele Vannucci